Depeche Mode, è partito il tour europeo: ecco cosa devono aspettarsi i fan di Roma, Milano e Bologna - SCALETTA / VIDEO

Depeche Mode, è partito il tour europeo: ecco cosa devono aspettarsi i fan di Roma, Milano e Bologna - SCALETTA / VIDEO

La band capitanata da Dave Gahan ha dato il via da Stoccolma ieri sera, venerdì 5 maggio, al tour europeo in supporto al suo nuovo album in studio, "Spirit" (qui la nostra recensione). La branca europea della tournée, battezzata "Global Spirit tour", terrà impegnati i Depeche Mode nel Vecchio Continente fino alla fine di luglio, per oltre trenta concerti: tra le date in calendario ce ne sono anche tre nel nostro paese, quelle allo Stadio Olimpico di Roma (25 giugno), allo Stadio San Siro di Milano (27 giugno) e al Dall'Ara di Bologna (29 giugno). Ma cosa devono aspettarsi i fan italiani? Ecco, di seguito, le anticipazioni, le canzoni in scaletta e i video della concerto di Stoccolma.

Se lo spettacolo che i Depeche Mode porteranno in giro per l'Europa e che presenteranno dunque anche di fronte al pubblico italiano sarà più o meno simile a quello proposto ieri sera a Stoccolma, sarà uno spettacolo lungo poco più di due ore e con oltre venti canzoni in scaletta.

L'apertura è affidata a "Going backwards" e a "So much love", due pezzi tratti da "Spirit". Già dal terzo brano in scaletta, però, che è "Barrel of a gun", i Depeche Mode cominciano a pescare dal passato prossimo: e così arrivano - una dietro l'altra - "Barrel of a gun" (dall'album "Ultra" del 1997), "A pain that I'm used to" (da "Playing the angel" del 2005), "Corrupt" (da "Sounds of the universe" del 2009), "In your room" (da "Songs of faith and devotion" del 1993). Sui led, ad accompagnare l'esecuzione dei brani, si rincorrono alcuni filmati realizzati da Anton Corbijn, che nel corso della sua carriera ha collaborato a più riprese con i Depeche Mode per i videoclip dei singoli pubblicati dal gruppo.

La canzone più vecchia - tra tutte quelle presenti in scaletta - è "Everything counts", del 1983. Non mancano di certo cavalli di battaglia come "Enjoy the silence" e "Personal Jesus" (con cui chiudono lo show) e non mancano neppure omaggi a compiante star del rock: David Bowie, ad esempio, a cui Dave Gahan, Martin Gore e Andy Fletcher riservano un tributo sulle note di "Heroes".

Ecco, di seguito, la scaletta - più sotto, i video:

SCALETTA:
"Going backwards"
"So much love"
"Barrel of a gun"
"A pain that I'm used to"
"Corrupt"
"In your room"
"World in my eyes"
"Cover me"
"Home"
"A question of lust"
"Poison heart"
"Where's the revolution"
"Wrong"
"Everything counts"
"Stripped"
"Enjoy the silence"
"Never let me down again"
"Somebody"
"Walking in my shoes"
"Heroes"
"I feel you"
"Personal Jesus"













Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.