NEWS   |   Italia / 17/01/2017

Il Festival di Sanremo, tra canzoni dimenticate e dischi flop. La situazione è allarmante: ecco perché - GRAFICI

Il Festival di Sanremo, tra canzoni dimenticate e dischi flop. La situazione è allarmante: ecco perché - GRAFICI

Carlo Conti, conduttore e direttore artistico del Festival di Sanremo da tre anni a questa parte, ha più volte detto di aver voluto riportare le canzoni al centro della manifestazione. Lo ha ribadito anche nel corso dell'ultima conferenza stampa di Sanremo 2017, quella tenuta all'inizio della scorsa settimana per confermare la presenza di Maria De Filippi come co-conduttrice e per annunciare i nomi dei primi ospiti della prossima edizione. A proposito delle canzoni, in quell'occasione, Conti ha detto:
 

"La soddisfazione più bella è quando ritorni a casa, accendi la radio e cominci a sentire tutte le canzoni che sono state proposte al Festival e lanciate dal Festival. Le canzoni sono, come sempre, al centro del Festival: credo di averlo dimostrato nel mio piccolo nel corso di questi due anni riportando da 14 a ben 20 i cantanti in gara, quest'anno addirittura 22. Il Festival di Sanremo deve continuare ad essere una gara di canzoni, una grande vetrina per la musica italiana".


Ma le canzoni, una volta finito il Festival e passato l'hype delle settimane immediatamente successive, rimangono? E riescono a far breccia nel cuore degli italiani? In altre parole: il Festival di Sanremo riesce ancora a lanciare canzoni in grado di diventare degli evergreen della musica italiana, come succedeva fino a qualche anno fa? Per scoprirlo abbiamo raccolto alcuni dati relativi alle canzoni (e ai dischi) delle ultime tre edizioni del Festival: le due condotte da Conti nel 2016 e nel 2015 e l'edizione condotta da Fabio Fazio nel 2014. Questi dati si riferiscono ai passaggi radiofonici delle canzoni (abbiamo tenuto conto del rilevamento di Radio Airplay, società specializzata nel monitoraggio delle emittenti radiofoniche - dati quasi sempre coincidenti con quelli dell'altra società di monitoraggio, EarOne), delle loro prestazioni nelle classifiche di vendita di fine anno e in rete e del successo commerciale degli album sanremesi (ovvero dei dischi pubblicati dai concorrenti del Festival in concomitanza con la loro partecipazione alla manifestazione).

Partiamo dai passaggi radiofonici delle 28 canzoni della scorsa edizione del Festival di Sanremo, quella del 2016: i dati raccolti da Radio Airplay ci dicono che il brano sanremese più trasmesso dalle radio italiane nel 2016 è stato "Nessun grado di separazione" di Francesca Michielin, che però si trova solamente al 24° posto nella classifica generale e al 6° in quella che considera i soli brani italiani. "Nessun grado di separazione" ha ottenuto, da febbraio a dicembre 2016, 42.753 passaggi: praticamente 52.690 in meno rispetto al primo in classifica, "Can't stop the feeling" di Justin Timberlake (95.443), e poco più della metà del primo italiano in classifica, "Ti sembra normale" di Maz Gazzé (83.826). Per trovare il secondo sanremese dobbiamo scorrere addirittura fino al 55° posto della classifica generale, dove troviamo "Amen" del vincitore delle Nuove Proposte Francesco Gabbani (con 27.267 passaggi), 22° nella classifica italiana. Gli Stadio, vincitori di Sanremo 2016 con la loro "Un giorno mi dirai", occupano solamente il 64° posto della classifica generale e il 26° di quella italiana (con 23.405 passaggi). Quarto ed ultimo sanremese presente nella top 100 di Radio Airplay è Alessio Bernabei: "Noi siamo infinito" si trova al 91° posto della classifica generale e al 40° di quella italiana (20.529 passaggi).

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/PVvLFyNPW-OGSfWuUUI1l2oNU9Y=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Fgrafico-passaggi-radiofonici-2016.png



I risultati ottenuti dalle canzoni di Sanremo 2016 in termini di passaggi radiofonici non sono così diversi rispetto a quelli ottenuti dai 28 brani dell'edizione precedente, quella del 2015, la prima che ha visto Carlo Conti impegnato nel duplice ruolo di conduttore e direttore artistico: quell'anno c'erano state canzoni che nelle settimane successive al Festival le radio avevano premiato molto, come "Fatti avanti amore" di Nek, "Adesso e qui (Nostalgico presente)" di Malika Ayane, e "Straordinario" di Chiara, ma che nella classifica di fine anno stilata da Radio Airplay non erano riuscite ad ottenere risultati così discreti. Il pezzo sanremese più passato del 2015, "Fatti avanti amore" di Nek, occupava infatti solamente il 48° posto della classifica generale (e il 21° di quella italiana, con 41.557 passaggi da febbraio a dicembre 2015 - oltre 30.000 passaggi in meno rispetto al primo brano italiano in classifica, "Buon viaggio" di Cesare Cremonini, che di passaggi ne aveva ottenuti 73.123). Al secondo posto tra i sanremesi c'era sempre Nek con la sua cover di "Se telefonando" (vincitrice della quarta serata, quella dedicata alle cover appunto), 54esima nella classifica generale e 23esima in quella italiana, con più passaggi di "Fatti avanti amore", 41.948 in totale. "Straordinario" di Chiara si era classificata all'89° posto nella classifica generale e al 38° in quella italiana (27.080 passaggi). Ultimo sanremese presente nella top 100 dei pezzi più trasmessi del 2015 era stato Gianluca Grignani con "Sogni infranti", 99° posto nella classifica generale e 42° in quella italiana (20.546 passaggi). Fuori sia dalla top 100 della classifica generale di RadioAirplay sia da quella di EarOne la canzone vincitrice di quella edizione, "Grande amore" di Il Volo.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/JOFVli1C8XkZuKsakVnhZLc-D1U=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Fgrafico-passaggi-radiofonici-2015.png



Anche se non sono stati del tutto soddisfacenti, i dati relativi ai passaggi radiofonici delle canzoni presentate al Festival di Sanremo nel 2015 e nel 2016 sono stati comunque migliori rispetto a quelli delle canzoni dell'edizione del 2014, condotta da Fabio Fazio (che ne era anche direttore artistico). Solo due delle canzoni presentate in quella edizione erano riuscite ad ottenere un piazzamento nella top 100 di fine anno stilata da Radio Airplay: "Controvento" di Arisa, vincitrice, che comunque non si era spinta oltre il 65° posto della classifica generale e il 17° posto nella classifica relativa ai soli brani italiani; e "Vivendo adesso" di Francesco Renga, 84° posto nella classifica generale e 28° in quella relativa alle canzoni italiane.


Passiamo ora alle prestazioni dei singoli nelle classifiche di vendita e sul web. Se diamo un'occhiata alla classifica dei singoli più acquistati del 2016, pubblicata dalla FIMI, il primo reduce di Sanremo 2016 che troviamo è "Nessun grado di separazione" di Francesca Michielin, che occupa però solamente la 63esima posizione (e il 7° posto nella classifica che tiene conto dei soli singoli italiani). Altro reduce dell'ultima edizione del Festival è "Noi siamo infinito" di Alessio Bernabei, addirittura al 95° posto (17° nella classifica dei singoli italiani). Sono queste le uniche due canzoni, tra le 28 in gara al Festival di Sanremo 2016, ad essere presenti nella top 100 dei singoli più acquistati degli ultimi dodici mesi secondo la FIMI. Ciò nonostante, a livello di certificazioni, l'edizione del 2016 ha collezionato un buon numero di dischi d'oro e platino: "Nessun grado di separazione" di Francesca Michielin, "Finalmente piove" di Valerio Scanu, "Infinite volte" di Lorenzo Fragola, "Noi siamo infinito" di Alessio Bernabei e "Amen" del vincitore delle Nuove Proposte Francesco Gabbani hanno ottenuto il disco di platino per le oltre 50.000 copie scaricate legalmente; "Un giorno mi dirai" degli Stadio (vincitori tra i "Big"), "Quando sono lontano" di Clementino, "Wake up" di Rocco Hunt, "Guardando il cielo" di Arisa e "Di me e di te" degli Zero Assoluto hanno invece ottenuto il disco d'oro per le oltre 25.000 copie scaricate legalmente. Se è vero - come ha recentemente dimostrato un sondaggio condotto a livello mondiale da Ipsos Connect - che YouTube è il servizio più utilizzato per il consumo di musica online nel mondo, allora la canzone di Sanremo 2016 più popolare è "Wake up" di Rocco Hunt (il video ha totalizzato 24,2 milioni di visualizzazioni), seguita al secondo posto da "Nessun grado di separazione" di Francesca Michielin (24 milioni di visualizzazioni per il video ufficiale). Bene anche "Quando sono lontano" di Clementino e "Noi siamo infinito" di Alessio Bernabei (circa 14 milioni di visualizzazioni per entrambe), mentre il video di "Un giorno mi dirai" degli Stadio si ferma a 9,4 milioni di visualizzazioni, praticamente una manciata in più rispetto a quello di "Amen" del vincitore delle Nuove Proposte Francesco Gabbani (9 milioni).

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/h2LmzboZq4IRG1Ku4_AjCw86R0w=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Fcertificazioni-singoli-2016.png



I singoli sanremesi del 2015, però, erano riusciti a fare decisamente di meglio. Ben cinque delle canzoni della precedente edizione del Festival erano riuscite ad accedere alla top 100 dei singoli più acquistati dell'anno secondo la FIMI. Nell'ordine: "Siamo uguali" di Lorenzo Fragola (29° posto nella classifica generale e 9° in quella italiana), "Grande amore" di Il Volo (34° posto nella classifica generale e 11° in quella italiana), "Fatti avanti amore" di Nek (65° generale e 18° italiana), "Una finestra tra le stelle" di Annalisa (67° generale e 20° italiana) e "Straordinario" di Chiara (75° generale e 24° italiana). Bene anche le certificazioni: "Grande amore" di Il Volo e "Siamo uguali" di Lorenzo Fragola avevano ottenuto il doppio disco di platino per le oltre 100.000 copie scaricate legalmente, mentre "Fatti avanti amore" di Nek, "Una finestra tra le stelle" di Annalisa, "Straordinario" di Chiara e "Adesso e qui (Nostalgico presente)" di Malika Ayane erano state certificate disco di platino per le oltre 50.000 copie scaricate legalmente. Su YouTube trionfo di "Grande amore" di Il Volo con 80 milioni di visualizzazioni totalizzate dal video ufficiale fino ad oggi. Il video di "Siamo uguali" di Lorenzo Fragola ha ottenuto fino ad oggi 27 milioni di visualizzazioni, quello di "Fatti avanti amore" di Nek 21 milioni. Bene anche la clip di "Una finestra tra le stelle" di Annalisa, con 18 milioni di visualizzazioni.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/3efOn7tdTQFYMmKDjWSrAlCS7oc=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Fcertificazioni-singoli-2015.png



E quelli del 2014? La canzone vincitrice, "Controvento" di Arisa, non era riuscita ad andare oltre il 38° posto nella classifica dei singoli più venduti del 2014 stilata dalla FIMI (5° posto tra le sole canzoni italiane), seguita al 42° posto da "Nu juorno buono" del vincitore delle Nuove Proposte Rocco Hunt (6° tra i singoli italiani) e al 70° posto da "Vivendo adesso" di Francesco Renga (10° posto tra gli italiani). Solo quattro delle canzoni dell'edizione del 2014 erano riuscite ad ottenere una certificazione: platino per "Controvento" di Arisa, "Vivendo adesso" di Renga e "Nu juorno buono" con oltre 50.000 copie scaricate legalmente, oro per "Bagnati dal sole" di Noemi con oltre 25.000 copie. Pessimi i numeri su YouTube, stando alle visualizzazioni: se si escludono "Nu juorno buono" di Rocco Hunt (36 milioni di views fino ad oggi), "Controvento" di Arisa (25 milioni) e "Vivendo adesso" di Renga (20 milioni), la media è di 1,6 milioni di visualizzazioni - canzoni come "Il cielo è vuoto" di Cristiano De André e "Sing in the rain" di Ron sono addirittura sotto le 200.000 visualizzazioni.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/-nUdfRLtZnJTtOT65LqPs0KZBuw=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Fcertificazioni-singoli-2014.png



Infine, i dischi: il Festival di Sanremo aiuta ancora i cantanti che partecipano a vendere i dischi? L'album sanremese più venduto dell'ultima edizione è stato quello di Alessio Bernabei, che - anche se occupa la 47esima posizione della classifica dei dischi più venduti degli ultimi dodici mesi secondo la FIMI, addirittura 38° tra gli italiani - ha venduto poco più di 25.000 copie. Un risultato simile lo ha ottenuto "Zero gravity" di Lorenzo Fragola, al 48° posto nella classifica generale e al 39° in quella italiana. Complice la riedizione sanremese contenente "Nessun grado di separazione", Francesca Michielin è riuscita a portare il suo ultimo album "Di20" al 55° posto nella classifica dei dischi più venduti del 2016 (44° tra gli italiani). L'album dei vincitori, gli Stadio, "Miss Nostalgia", occupa il 61° posto della classifica generale e il 48° di quella italiana. Altri album sanremesi presenti nella top 100 di FIMI sono "Figgatta de blanc" degli Elio e le Storie Tese (84° posto generale), "SignorHunt" di Rocco Hunt (87° posto) e "Eccomi" di Patty Pravo (99° posto). Tradotto in termini di certificazioni, questo significa che nessun album sanremese si è spinto oltre il disco d'oro: quelli di Bernabei, Fragola, Michielin, Rocco Hunt e Clementino hanno venduto poco più di 25.000 copie.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/d4sy_lRvfm7A8RNJ0BD-3pa3YNI=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Fcertificazioni-album-2016.png



Anche in questo caso, i dischi sanremesi dell'edizione 2015 erano riusciti ad ottenere numeri migliori: "Sanremo grande amore" di Il Volo aveva chiuso l'anno al 7° posto nella classifica dei più acquistati del 2015 secondo la FIMI. Il trio, tra l'altro, era presente anche alla 14esima, alla 57esima e alla 69esima posizione della classifica generale rispettivamente con "L'amore si muove", la raccolta "The platinum collection" e il disco natalizio "Buon Natale". "Domani è un altro film - Seconda parte" dei Dear Jack, contenente la canzone sanremese "Il mondo esplode (Tranne noi)" era risultato essere il 23° disco più acquistato dell'anno (19° tra gli italiani), mentre "1995" di Lorenzo Fragola si era stabilito al 31° posto (25° tra gli italiani). Buoni anche i risultati di "Naif" di Malika Ayane (38° generale, 29° italiana), "Splende" di Annalisa (59° generale, 44° italiana), "Andrà tutto bene" di Nesli (61° generale, 45° italiana) e "Cronologia" di Marco Masini (63° generale e 46° italiana). Le certificazioni: "Sanremo grande amore" di Il Volo aveva ottenuto il triplo disco di platino per le oltre 150.000 copie vendute; platino per "Domani è un altro film (Seconda parte)" dei Dear Jack e per "Prima di parlare" di Nek, con oltre 50.000 copie vendute; oro per "1995" di Fragola e "Naif" di Malika Ayane con oltre 25.000 copie.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/JurhNP9L8jXyfB7xrgpvmovMo-M=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Fcertificazioni-album-2015.png



Fallimentari - o quasi - le prestazioni in classifica dei dischi dei concorrenti di Sanremo 2014: gli unici a cavarsela sufficientemente bene nella top 100 di fine anno secondo la FIMI erano stati "Tempo reale" di Francesco Renga (13° nella classifica generale, 9° tra gli italiani), "'A verità" del vincitore delle Nuove Proposte Rocco Hunt (26° in generale, 19° tra gli italiani), "Se vedo te" della vincitrice tra i "big" Arisa (appena 59° generale, 40° tra gli italiani) e "Made in London" di Noemi (79° nella classifica generale e 46° tra gli italiani). Poverissime le certificazioni: doppio platino per "Tempo reale" di Renga (oltre 100.000 copie vendute), platino per "'A verità" di Rocco Hunt (50.000 copie).

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/vyLp2bpiWD9Q3wbNEn-goqmwiZE=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Fcertificazioni-album-2014.png



Cosa dobbiamo dedurre da questi numeri? Anzitutto, interpretando la tendenza degli ultimi tre anni, che una volta passate le settimane immediatamente successive al Festival, le canzoni finiscono per essere quasi del tutto dimenticate: nelle classifiche di fine anno non ottengono risultati tali da poterle definire delle vere e proprie hit. E anche se Conti si è sforzato di "riportare le canzoni al centro del Festival" - ma bisogna ammettere che in realtà Fabio Fazio, nel 2013 e nel 2014, con il meccanismo del doppio brano in gara per ciascun big aveva fatto di meglio, in questo senso - ciò non ha aiutato le canzoni ad ottenere ottimi successi in classifica. Nemmeno la vendita dei dischi sembra averne più di tanto tratto giovamento. Il Festival di Sanremo, stando almeno ai dati delle ultime tre edizioni, sembra non rappresentare più un'occasione per aiutare i cantanti che vi partecipano a vendere più dischi: degli album dei concorrenti dell'ultima edizione nessuno - fino ad oggi, ed è passato un anno - è riuscito ad ottenere il disco di platino, e questo è un dato alquanto allarmante.

Per l'edizione del 2017, che si terrà dal 7 all'11 febbraio, Carlo Conti ha deciso di portare in gara ben 30 brani: 22 nella categoria dei "Big", 8 nella categoria delle Nuove Proposte. Ma di quante di queste 30 canzoni ci ricorderemo, una volta archiviato il Festival?

di Mattia Marzi