I Ricchi e Poveri si reinventano come duo. Nuovo album di inediti e speciale televisivo per i 50 anni: 'La passione non è mai scemata' - INTERVISTA

I Ricchi e Poveri si reinventano come duo. Nuovo album di inediti e speciale televisivo per i 50 anni: 'La passione non è mai scemata' - INTERVISTA

In principio erano in quattro: Angela (la brunetta), Marina (la bionda), Franco (che nel 1967, anno in cui nacque ufficialmente il gruppo, non aveva ancora i baffi) e Angelo (il biondo). Nel 1981 restarono in tre dopo l'uscita di Marina Occhiena, che mollò durante le prove del Festival di Sanremo: Angela, Franco e Angelo si presentarono comunque al Festival, gareggiando con quello che si rivelerà il più grande successo della loro carriera, "Sarà perché ti amo".

Ora, i Ricchi e Poveri sono rimasti in due: il gruppo, come noto da ormai qualche giorno, ha infatti perso un altro elemento, il "baffo" Franco Gatti. Angela Brambati e Angelo Sotgiu, però, non hanno perso l'entusiasmo e - dopo aver salutato e ringraziato Gatti - hanno fatto sapere che continueranno a portare avanti il progetto dei Ricchi e Poveri: "In pentola abbiamo tante cose che stanno bollendo. Adesso bisognerà scegliere quelle che ci piacciono di più e quelle che riteniamo più giuste, poi valuteremo", dicono loro, "l'importante è avere la voglia di andare avanti e di riprogrammare il nostro futuro. Sono cinquant'anni che facciamo musica e la passione non è mai scemata: è la nostra vita".

Siete già al lavoro su nuovi progetti?
Angelo: "Sì, abbiamo in programma alcune date in Russia e faremo dei concerti anche in Italia. Ci stiamo ancora un po' sistemando: abbiamo l'intenzione, discograficamente, di fare un nuovo progetto".
Angela: "Siamo colpiti dal fatto che i russi ci fermino per strada per dirci: 'Siamo cresciuti con i vostri pezzi'. È stata la Baby Records, l'etichetta per la quale incidevamo negli anni '80, a portarci all'estero: e da allora non abbiamo mai smesso di andarci".

Dunque state lavorando ad un nuovo album...
Angelo: "Esatto. Adesso io non so se saranno sei, sette o dieci pezzi: stiamo ancora valutando. Abbiamo parecchi inediti e adesso dobbiamo scegliere quelli che sono più appropriati per il momento e quelli che pensiamo di riuscire a vestire nel miglior modo".
Angela: "Stiamo già provinando canzoni nuove: avevamo già in pentola queste cose da alcuni mesi, poi le abbiamo abbandonate".

Per queste nuove canzoni state collaborando con i vostri autori storici, Cristiano Minellono e Dario Farina?
Angelo: "Dario Farina ci sarà senz'altro. Poi ci sono io e un altro autore che si chiama Andrea Vialardi. I pezzi stanno nascendo: alcuni ci sono già, altri sono in fase di lavorazione. Sono pochi giorni che è cambiata la nostra formazione, stiamo ripartendo da qui".
Angela: "Abbiamo una canzone un po' particolare della quale abbiamo provato a scrivere le parole, ma non ne siamo convinti al 100%. Dunque abbiamo bisogno di un autore che sappia scrivere bene".

Per un gruppo vocale come il vostro, la cosa fondamentale sono le armonizzazioni: prima eravate in quattro, poi siete rimasti tre, ora siete in due. Con l'uscita di Franco Gatti, avete perso una voce base, quella del basso. Come pensate di coprire questo vuoto, a livello tecnico? Vi farete accompagnare da un coro?
Angelo: "Quando c'era Marina, essendo in quattro, riuscivamo ad armonizzare meglio. In tre ci riuscivamo bene, ma dovevamo fare i conti con la mancanza di una voce. Adesso, essendo in due, anziché fare armonie faremo più interpretazioni singole, controcanti e parti soliste. I cori non mancheranno, in alcune esibizioni sono già previsti".
Angela: "Prima di 'Sarà perché ti amo', quando eravamo in quattro, facevamo pezzi molto più difficili e complicati. A seconda di quanti si è, si fanno le canzoni adatte. Io e Angelo abbiamo due voci che insieme fondono benissimo: non abbiamo bisogno di fare aperture, ma solo di belle canzoni con l'intervento dell'uno e dell'altro".

Quest'anno cade il 35esimo anniversario dall'uscita di 'Sarà perché ti amo'. C'è in programma qualche festeggiamento? Reinciderete i vostri successi in duo?
Angelo: "No, non c'è nessun festeggiamento in programma, perché altrimenti poi dovremmo organizzare festeggiamenti anche per 'Mamma Maria' e tutte le altre canzoni. Alcune cose credo sia obbligatorio riproporle in duo, ora che siamo rimasti in due le canzoni vanno riregistrate e riviste. Le reincideremo senz'altro, ma non so se questo farà parte del nuovo album o meno".
Angela: "Non si modificano le cose vincenti. 'Sarà perché ti amo' è quella e resterà sempre quella. Tutt'al più, faremo delle cose nuove: non modificheremo le vecchie".

Due personaggi importanti, per la carriera dei Ricchi e Poveri, sono stati Fabrizio De André e Franco Califano. Che ricordo avete di loro?
Angelo: "Fabrizio è stato il primo ad aver fiducia nelle nostre qualità e nelle nostre doti, ci ha portato a Milano per fare un provino in una casa discografica che, tuttavia, non ha creduto in noi. Noi viaggiavamo con una Seicento e non ci stavamo in cinque: così, lui ha preso il treno e ci siamo dati appuntamento a Milano. Aveva un Loden blu e una ventiquattrore, sembrava il proprietario di una fabbrica o un avvocato che andava a Milano per concludere degli affari. Ricordo che Fabrizio è uscito dall'ufficio dicendoci che non ci avevano preso, che non capivano niente e che avremmo avuto comunque successo anche senza l'aiuto di quell'etichetta: ci ha dato la forza di andare avanti e andando avanti abbiamo incontrato Franco Califano che, proprio come De André, ha avuto fiducia in noi tanto da diventare il nostro produttore. Era un romanaccio, nel senso buono del termine. Si è messo subito a disposizione e ci ha fatto fare duecento audizioni chiamando tanti produttori: 'I prossimi successi saranno di questi ragazzi', diceva. Franco ci ha aiutati a superare le difficoltà che poi abbiamo incontrato nel percorso".
Angela: "All'epoca si viveva più a Roma che a Genova. Califano lo incontrammo nel 1966, forse nel 1967. Ci conoscemmo in una casa discografica, a Milano. Con lui c'era anche Alfredo Cerruti: ha creduto subito in noi, ha creato i personaggi, ha inventato il nome 'Ricchi e Poveri'. Franco ci portava in giro con la sua macchina bianca: era molto altruista, una bella persona. Come De André, d'altronde: si arrabbiò perché quelli della casa discografica non ci avevamo capiti come invece ci aveva capito lui. Credeva molto in noi".

Il prossimo anno festeggerete i vostri primi 50 anni di attività. Come avete intenzione di celebrare questo importante traguardo?
Angelo: "Ci hanno avanzato la proposta di uno speciale televisivo, la stiamo valutando e per ora non possiamo aggiungere altro".
Angela: "Dovremmo fare uno speciale televisivo. Nel corso di questi 50 anni abbiamo fatto di tutto e vissuto tante belle esperienze: sarebbe bello fare uno spettacolone come quelli di una volta, quelli che faceva Mina il sabato sera, i grandi varietà. La gente ha voglia di divertirsi, di sentir parlare poco".

[di Mattia Marzi]

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.