Gianni Maroccolo in tour da solista: "Mi metto in gioco ricominciando da zero"

Per la prima volta nella sua quasi quarantennale carriera, Gianni Maroccolo va in tour da solista. L'ex bassista di Litfiba, CCCP, CSI, PGR e Marlene Kuntz salirà sui palchi dal 6 febbraio, accompagnato da Antonio Aiazzi (tastiere, synth, fisarmonica), Andrea Chimenti (voce, pianoforte), Beppe Brotto (esraj, sitar, double guitar)
 e Simone Filippo (batteria & electronics). Il titolo dello spettacolo richiama il disco con il compianto Claudio Rocchi, pubblicato nel 2015: "Nulla è andato perso", mentre il sottotitolo "da Via de Bardi 32 a vdb23" richiama la storica cantina dei Litifba da cui è iniziato tutto.

 

Abbiamo chiesto a Gianni Maroccolo di raccontarci con le sue parole, in prima persona questa scelta. Ecco lo scritto che ci ha mandato.

… fare un passo in avanti fino ad arrivare al centro del palco…
un passo faticosissimo, azzardato, ma inevitabile. dopo anni e anni  dedicati a costruire progetti di insieme e alla condivisione del piacere della musica mi sono ritrovato da solo… devo bastarmi perchè ritengo non ci siano altre possibilità per un nuovo “gruppo musicale” nè che possa tornare in vita un passato che non c’è più. 

Le alchimie meravigliose non vanno reiterate nè si può far finta di non avere un’ età più che matura che non permette di continuare a vivere la musica, e non solo, come se fossi ancora un ragazzo….  e allora ho aperto il cassetto dei desideri rimandati… c’è un tempo per ogni cosa. ed è giunto il tempo in cui io mi metta in gioco ricominciando da zero… anzi… da questi miei 35 anni di musica per andare altrove.

"Rinascere" appunto, forse il brano più significativo di vdb23.  il centro del palco è un punto di partenza, non di arrivo, e la rotta non è certa come dire… l’ importante ora è voltare pagina, poi si vedrà. non vi è alcuna mira o desiderio di conquistare una posizione fisica sul palco che, a dire il vero, mi terrorizza in tutti i sensi… solo la voglia  di affrontare una nuova esperienza che sia, per la prima volta, totalmente a mia immagine e somiglianza e che soprattutto rappresenti ciò che davvero sono ora musicalmente e nella vita.

Sono consapevole delle difficoltà e dei rischi a cui vado incontro… sono terrorizzato dall’ idea che il concerto non piaccia o che possa capitare di suonare in spazi con pochissimo pubblico… ma credo di non poter attendere oltre… non si sfugge al tempo e io, per certi aspetti, di tempo ne ho già perso. Spero di “Rinascere” pur sapendo di non essere eterno e sono grato agli amici tutti, vecchi e nuovi,  ad antonio aiazzi, beppe brotto, simone filippi, andrea chimenti… ad enzo onorato, alessandra celletti, vladimir jagodic, marco olivotto… a tutti coloro che ogni tanto si uniranno a noi, per la fiducia, l’affetto e
la disponibilità che mi stanno donando.

E sono certo che sia felice anche colui che è stato il motore consapevole di questa avventura: Claudio Rocchi. Senza di lui so che non avrei trovato il coraggio di provare a rinascere…  il centro del palco in realtà, sarà suo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.