Matisyahu, preso atto del dietrofront del Rototom Sunsplash parteciperà al festival reggae

Matisyahu, preso atto del dietrofront del Rototom Sunsplash parteciperà al festival reggae

All’inizio della settimana l’artista ebreo-americano Matisyahu era stato escluso dal cartellone del Rototom Sunsplash, importante festival reggae che si tiene in Spagna, per non aver dichiarato pubblicamente di essere a favore di uno stato palestinese. Dopo le critiche del ministero degli esteri spagnolo gli organizzatori della manifestazione hanno fatto pubblica ammenda ammettendo “l’errore” e invitandolo nuovamente a partecipare al festival la sera del 22 agosto, come previsto originariamente. Ora il musicista ha dichiarato che accetta la reintegrazione, chiamandola una "vittoria".

Ha scritto sul suo profilo Facebook: “Oggi vince la musica. Ho sempre creduto nel potere della musica di unire tutte le persone, indipendentemente dalla religione, dalla politica o dalla geografia. Questa è stata una decisione straziante, ho sentito che il mio essere veniva usato per convenienza politica. Sono tuttavia convinto che l'accettazione e la possibilità di rinascere ci permettono di andare avanti”.

E continua: "L'incredibile di sostegno in tutto il mondo di fan e organizzazioni che si sono levate a protestare contro l'intrusione della politica in una celebrazione senza frontiere della musica è stata umiliante. I miei più sentiti ringraziamenti vanno alle comunità mondiali che hanno perorato la causa della libertà musicale. E più di tutto, grazie ai miei incredibili fans e alle tante persone di tutte le fedi che hanno rifiutato di rimanere in silenzio nel nome della libertà artistica. Questo è la vostra vittoria."

Altri artisti hanno minacciato di lasciare il Rototom Sunsplash quando hanno sentito che Matisyahu era visto come un rappresentante di Israele e che l’organizzazione del festival lo aveva sostituito con Etana. Organizzatori che hanno ammesso la loro colpa, osservando che hanno "fatto un errore a causa del boicottaggio e alla pressione giunta dalla BDS País Valencià e perché si era percepito che il normale funzionamento del festival potesse essere minacciato. Tutto questo ha impedito all'organizzazione un sereno ragionamento su come affrontare la situazione in modo corretto."


 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.