Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Italia / 23/04/2015

Concerto del Primo Maggio 2015, Roma. Gli organizzatori: 'Cordialità tra noi e Taranto'

Concerto del Primo Maggio 2015, Roma. Gli organizzatori: 'Cordialità tra noi e Taranto'

Nessun nuovo annuncio di peso relativo al cast, oggi - anzi, nessun nuovo annuncio tout court, è stato fatto durante la conferenza stampa di presentazione del prossimo Concerto del Primo Maggio a Roma: alla presenza degli organizzatori - Massimo Bonelli di iCompany e Carlo Gavaudan di Ruvido Produzioni, oltre che dei rappresentanti delle tre sigle confederali e della RAI - i colleghi intervenuti hanno orientato più il focus sulla coestistenza del classico concertone di Piazza San Giovanni con la più giovane manifestazione organizzata dal Comitato Cittadini Liberi e Pensanti di Taranto. Una certa insofferenza nei confronti del tema è stata mostrata solo dal segretario della UIL Carmelo Barbagallo ("Non la vedo come un'alternativa al nostro concerto, almeno per come viene posta dai mass media", ha spiegato dopo l'ennesima domanda al proposito), mentre più pacata è stata la risposta di Bonelli:

"Tra noi c'è cordialità: io e Roy Paci [direttore artistico della manifestazione di Taranto] ci siamo anche incontrati, abbracciandoci e augurandoci buon lavoro a vicenda. La rivalità tra i due concerti è una montatura della stampa"

A una collega che ha osservato come anche i nomi nel bill della manifestazione pugliese siano "di peso", Bonelli ha risposto:

"I loro artisti sono stati da noi negli anni scorsi, e quindi abbiamo deciso di privilegiare altri nomi. Sul peso, non saprei: a Roma ci saranno i Bluvertigo, per uno spettacolo del loro reunion tour, Goran Bregovic, che al di là della simpatica canzone di Elio e le Storie Tese, da noi è stato una sola volta, e scommesse come Lacuna Coil e Stato Sociale. Non starei a mettere sui piatti della bilancia i cast... Se volessimo farlo, credo che un po' penderebbe dalla nostra parte"

Mentre sul budget del concertone di cifre ancora non se ne sono dichiarate ("Siamo appena arrivati", ammette Gavaudan, "E stiamo ancora alla rincorsa della copertura dei costi: non appena avremi dati certi al proposito li renderemo pubblici) i rappresentati sindacali hanno fatto chiarezza sulle ragione dell'avvicendamento tra la nuova direzione e quella "storica", guidata da Marco Godano. La segretaria della CISL Giovanna Ventura, seppure in modo non esageratamente lineare, parla - senza mai fare nomi - di "non rispetto dei contratti" e di "tutela del rispetto dei lavoratori" riguardo alla passata gestione, mentre più diretta è stata Gianna Fracassi della CGIL:

"Il contratto coi precedenti organizzatori era scaduto, nella valutazione che abbiamo fatto insieme abbiamo ritenuto opportuno avvicendare i vertici della manifestazione. E' legittimo per le nostre organizzazioni decidere di cambiare i soggetti che organizzano per noi il primo maggio"