Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Italia / 15/04/2015

Concerto del Primo Maggio a Taranto, gli organizzatori: 'Siamo noi il vero Primo Maggio. Nessuna collaborazione con Roma'

Concerto del Primo Maggio a Taranto, gli organizzatori: 'Siamo noi il vero Primo Maggio. Nessuna collaborazione con Roma'

"È fatto per la gente: ecco cos'ha in più il Primo Maggio di Taranto. Abbiamo deciso di offrire ai cittadini di Taranto il nostro operato, il nostro lavoro, la musica, e lo faremo senza filtri. Saremo gli altoparlanti della voce dei cittadini": così Roy Paci e l'attore Tarantino Michele Riondino, i direttori artistici del Primo Maggio di Taranto, alla conferenza stampa di presentazione dell'evento svoltasi a Roma. Giunta alla sua terza edizione, la manifestazione alternativa al tradizionale "concertone" di Piazza San Giovanni a Roma tratterà quest'anno il tema dell'ingiustizia, come spiega lo stesso Michele Riondino: "Qualche sindacato, lo scorso anno, ci definì una sagra di paese. Bene, la sagra di paese continua: quest'anno affronteremo un tema specifico, quello dell'ingiustizia: bisogna rivedere il significato della legalità e della giustizia. Affronteremo questo tema con un linguaggio popolare, facendo parlare gli esempi della società civile che tutti i giorni hanno a che fare con questo argomento nelle vesti di vittime". Tra gli altri, parteciperanno al dibattito anche il direttore de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio (che ripercorrerà la storia dei decreti salva-Ilva), don Palmiro Prisutto (parroco di frontiera che in Sicilia lotta in prima linea contro il petrolchimico del "triangolo della morte" Gela-Ragusa-Siracusa) e il giornalista di La7 Gaetano Pecoraro (che nei suoi servizi ha spesso denunciato le trivellazioni petrolifere in Basilicata).

A condurre la parte musicale dell'evento saranno Valentina Correani, Andrea Rivera, Mietta e Valentina Petrini. Numerosi gli artisti che hanno deciso di partecipare al Primo Maggio di Taranto; a partire dalle ore 14 si alterneranno sul palco allestito presso il Parco Archeologico delle Mura Greche il rapper Caparezza, Marlene Kuntz, Subsonica, Roy Paci e gli Aretuska, Brunori Sas, Diodato, Bud Spencer Blues Explosion, Velvet, No Braino, Francesco Baccini, LNRipley, Fido Guido, Andrea Riviera, Bestierare (che si esibiranno insieme a Il Muro del Canto), Officina Zoè, Iosonouncane, Ilaria Graziano e Francesco Forni. Salvo rare eccezioni, tutti i nomi confermati nel cast della terza edizione del concerto del Primo Maggio di Taranto hanno alle spalle alcune esperienze sul palco della manifestazione organizzata dai sindacati confederali in Piazza San Giovanni a Roma: "La novità? Gli artisti che decidono di esibirsi sul nostro palco lo fanno a prescindere dall'aspetto promozionale, a differenza di quanto avviene invece con il 'concertone' romano", dichiarano i direttori artistici della manifestazione tarantina, "Il concerto del Primo Maggio di Roma, negli ultimi anni, ha promosso più dischi che cantanti e da ormai qualche anno da quel palco è sparito pure il dibattito. Caparezza, i Marlene Kuntz, i Subsonica, Brunori Sas e tutti gli altri artisti coinvolti hanno deciso di aderire alla nostra causa". Con Nina Zilli e Alessandro Mannarino sono ancora aperte delle trattative per una eventuale esibizione e - fa sapere l'organizzazione - altri nomi potrebbero essere annunciati nelle ore immediatamente precedenti all'evento: "Il palco sarà la casa di tutti e saremo felici di ospitare gli amici che vorranno venire a sostenere la voce del popolo. Sarà una bella festa popolata di amici e artisti che ci verranno a trovare sul palcoscenico", afferma convinto Roy Paci, che rilancia: "La mia esibizione sarà da considerarsi la data zero del mio prossimo tour, che mi vedrà portare sul palco le bande italiane: per l'occasione, trascinerò sul palco la banda di Taranto e suoneremo i migliori successi degli Aretuska. Il fenomeno delle bande, nel nostro Paese, si sta spegnendo per via della mancanza di contributi e di sostegni. Io, da parte mia, sto facendo tanto affinché questa realtà non si perda". Il musicista siciliano, a margine dell'incontro, rivela di essere attualmente al lavoro sul suo nuovo album in studio, che dovrebbe raggiungere il mercato il prossimo autunno: "Sono chiuso da diversi mesi in studio per il nuovo disco, al quale sto lavorando ormai da due anni. Sarà una sorta di 'SuoNoGlobal' 2.0: forse all'interno dell'album sarà contenuto solo un brano in lingua italiana, tutti gli altri saranno cantati in inglese e in spagnolo".

Massimo Bonelli, che alla fine dello scorso mese di febbraio ha raccolto il testimone di Marco Godano al timone del "nuovo" Primo Maggio musicale capitolino, in un'intervista concessa a Rockol si era dichiarato aperto ad una eventuale collaborazione con il Primo Maggio di Taranto; mantenendo le promesse, Bonelli ha bussato alla porta di Roy Paci e Michele Riondino, ma ha ricevuto un secco "no" da parte dei direttori artistici della manifestazione tarantina: "Ho parlato con Bonelli, ci siamo augurati a vicenda buon lavoro, ma ho dovuto declinare l'invito: non è nostra intenzione gemellarci con una manifestazione che si sorregge sulle spalle dei sindacati e degli sponsor", spiega l'attore pugliese, "Non abbiamo avuto alcun tipo di scontro con quella che è la struttura del Primo Maggio di Roma, anche se ammetto di non aver condiviso certe dinamiche all'interno del 'concertone' romano. Il nostro Primo Maggio non vuole essere il contraltare del Primo Maggio di Piazza San Giovanni: non abbiamo bisogno di metterci contro nessuno". Alle parole di Riondino fanno eco quelle di un rappresentante del Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti di Taranto: "Il nostro è il vero Primo Maggio: a fine giornata pubblicheremo i rendiconti e i bilanci relativi alle uscite e alle entrate. Questo Primo Maggio non è in vendita: non siamo sostenuti né da sponsor, né da partiti, né tantomeno dai sindacati. Siamo liberi di dire come la pensiamo sulla corruzione di questo Paese e di chi governa questo Paese. Ringraziamo dunque i commercianti e la Confcommercio di Taranto, e ringraziamo in anticipo noi stessi per i proventi che riusciremo a ricavare dalla vendita delle magliette e del vino".

L'evento tarantino sarà visibile in tutta la Puglia, la Basilicata e la Calabria ionica sul canale Jo Tv (649) e in streaming su www.jotv.tv; sarà inoltre possibile ascoltare in diretta il Primo Maggio di Taranto sulle frequenze di Radio1: "Abbiamo avanzato una richiesta di collaborazione a Sky, con un compromesso: lasciare a noi la scelta di quali sponsor mandare in onda durante la diretta. Sky si era dichiarata inizialmente disponibile, ma poi l'accordo non è andato in porto", spiegano alla fine dell'incontro gli organizzatori.