Jack White, ironia su Foo Fighters, Kanye West e Rolling Stone - AUDIO

Jack White, ironia su Foo Fighters, Kanye West e Rolling Stone - AUDIO

Solitamente misurato, almeno in pubblico, e usualmente incline a far parlare innanzitutto la sua musica, Jack White, nel corso di un concerto tenuto ieri sera a Boston, si è abbandonato a quattro minuti di esternazioni sarcastiche che hanno avuto come bersaglio, tra gli altri, Foo Fighters, Kanye West e la rivista Rolling Stone.

La raffica di frecciate è partita con una generica considerazione - catalogabile alla voce "o tempora o mores", genere nel quale l'ex White Stripes è secondo a pochi - sulle tecnologie usate per gli spettacoli dal vivo: "La maggior parte dei performer ormai non usa microfoni", ha detto il cantante e chitarrista riferendosi, probabilmente, al boom live dell'EDM, specificando poi come in ogni caso anche "la maggior parte dei cantanti ormai non usi più microfoni.

Almeno, quelli con i cavi" (alludendo, con ogni probabilità, ai microfoni wireless agganciati all'orecchio utilizzati da artisti che siano impegnati contemporaneamente in numeri di canto e di danza).

Poi il primo attacco mirato, indirizzato alla band di Dave Grohl. Sapete perché, secondo White, le parti di chitarra del gruppo capitanato dall'ex batterista dei Nirvana spesso, dal vivo, si doppiano l'una con l'altra? "Per coprire gli errori", è stata la sua spiegazione.




Subito dopo, White non ha resistito ha tirate l'ultima stoccata a Rolling Stone, testata musicale americana fondata nel 1967 a San Francisco da Jann Simon Wenner e Ralph J.

Gleason: "E' roba da famiglia Kardashian", ha detto, riferendosi a articoli (immaginari) come "'I quindici vestiti che vi faranno impazzire che Taylor Swift ha messo questo mese' o 'Le dodici ragioni per le quali non pubblicheremo una copertina in bianco e nero prima che tu muoia'". "Va bene, suppongo che adesso sia il momento di smetterla, perché questa sta diventando una tirata alla Kanye West", ha promesso White: "Già, perché oggi non puoi dire a tuoi fan quello che ti passa per la testa, perché altrimenti fai una tirata. Quindi dimenticate Isis, la guerra in medio oriente, i vostri problemi a casa, i matrimoni omosessuali, e tutto ciò sul quale vi siate fatti un'opinione. Questa non è una tirata, sono solo io che dico: 'Ciao, Cleveland'". .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.