Comunicato stampa: 'Lambrate Rock Festival' dal 3 al 6 giugno a Cascina Monluè di Milano

Comunicato stampa: 'Lambrate Rock Festival' dal 3 al 6 giugno a Cascina Monluè di Milano
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Birrificio di Lambrate e Hard Staff
Presentano:
Lambrate Rock Festival
3-4-5-6 giugno 2004
Cascina Monluè di Milano

Con:
Giovedì 3 giugno HATEBREED + MINUS + Dj Claudia e Max di Rock FM
Venerdì 4 giugno BUGO + PAY + Dj Pelo e Vektro di Radio Lupo Solitario
Sabato 5 giugno AL-MUKAWAMA + Dj Vito War
Domenica 6 giugno DAVIDE VAN DE SFROOS + Spazio Petardo

Orario apertura cancelli: ore 18.30
Ingresso: Euro 10 giovedì e domenica
Euro 8 venerdì e sabato
Abbonamento per le quattro giornate: Euro 30

Le giornate inizieranno tutti i giorni alle ore 18.30 con aperitivo e djset per proseguire con concerti sino a notte fonda.
Quattro giorni di musica dal vivo, birra cruda a barili, tapas all'italiana e altri eventi in una vecchia cascina di Milano fuori dal caos metropolitano.

NOTE BIOGRAFICHE DEGLI ARTISTI che parteciperanno al Lambrate Rock Festival

3-4-5-6 giugno 2004
Cascina Monluè di Milano
3 giugno HATEBREED + MINUS + Dj Claudia e Max di Rock FM

HATEBREED Formatisi nel Connecticut, nel novembre 1995, gli Hatebreed sono diventati da subito una delle band di maggior successo di pubblico nella storia della musica Hardcore. Hanno scritto alcuni tra i più potenti riff della storia, diviso il palco con chiunque, da Ozzy,ai Kid Rock, dai Deftones, agli Offspring, e l’elenco è quasi infinito, e venduto oltre 200.000 dischi, praticamente senza alcuna promozione, prima di firmare un contratto per una major, la Roadrunner/Universal. Non c'è dubbio, gli Hatebreed non sono una band: sono un movimento!
MINUS Questi cinque ragazzi islandesi sono forse rimasti gli unici ad incarnare oggi il più genuino spirito del rock, con i suoi eccessi e le sue contraddizioni. Sin dal loro primo tour, nel 2002, I Minus hanno infiammato le platee europee ed americane. Con la realizzazione dell‘album “Halldor Laxness’, per la Sony nel 2003, un vero e proprio capolavoro composto da poesia dark, emozioni violente e hardcore allo stato puro, non è una esagerazione affermare che gli shows dei Minus sono diventati in breve tempo una leggenda. Come dei nuovi Led Zeppelin, riempiono e mandano in delirio le platee e sono al primo posto nelle classifiche di gradimento delle radio rock.
I Minus non sono solo la band più importante uscita dall’Islanda dopo i Sigur Ros, ma la più intensa e genuina rock ‘n’ roll band del pianeta!
Dj Claudia e Max di Rock FM. Due delle voci storiche e più importanti di Rock Fm, dopo il successo delle loro serate riscosso in tutta Italia, ci presentano il meglio della loro selezione, tutta da ballare e da ascoltare, naturalmente in genuine rock style!
4 giugno BUGO + PAY + Dj Pelo e Vektro di Radio Lupo Solitario
BUGO nasce a San Martino di Trecate tra le risaie del novarese.
Ha imparato a suonare la chitarra durante il servizio militare, successivamente inizia a cantare e fonda il suo primo gruppo punk-rock. Bugo ama il noise, il punk, il metal, gli piace anche il rap, ma lui rimane uno che scrive e canta le sue canzoni, brani grezzi e ruvidi. I testi sono surreali, astrusi ma allo stesso tempo tutto risulta semplice ed immediato. Sound scarno essenziale e funzionale.Viene definito il Beck delle risaie “novaresi”, ma lui è un cantautore genuino, sottile, delirante e spesso paradossale. Nel 2002 è l’anno della pubblicazione di un grande album, “Sentimento westernato”. Un cd di 13 canzoni presentato dall’artista come ” l’album acustico del Bugo” che gli fa guadagnare il plauso della stampa specializzata che lo definisce un cantautore decisamente originale. Bugo arriva così al contatto con una major che frutta un disco di rock stralunato, complesso e pieno di inni urbani, quale è “Dal Lofai al cisei”. Arrivano anche tanti concerti dal vivo, in cui Bugo affina le doti di intrattenitore estemporaneo e a volte brutale, diventando uno dei fenomeni rock del 2003.
Sono due le strade che ora percorre Bugo: quella del caos creativo e quella della ballata “tristallegra”. Entrambe sono affrontate in “Golia & Melchiorre”, un album che si divide in una parte più alchemica e distorta e un’altra più acustica e dolente. Un doppio disco che uscirà alla fine di maggio per Universal a prezzo speciale. Al Lambrate Rock Festival Bugo ci presenterà il nuovo album in anteprima!
PAY nascono nel 1996 e il nome della band deriva da “Post Atomic Youth”, e da quel preciso istante si ha l’inizio dell’epopea del “PoPunkRock’n’rollTrio”+1, ovvero del classico trio punk più mr. Voulvino il leader o meglio, l’immagine e l’icona del gruppo. I Pay sono il primo gruppo italiano di punk rock dell’”aMMore” come amano definirsi.
Nel 2003 è uscito “The very best of the rarities of the origin of the band – una raccolta di successi” la prima raccolta ufficiale dei successi dei PAY, con rarità e reinterpretazioni, accompagnate dal video del brano “Un bel cervello colorato”. Il CD è stato licenziato da Ammonia V2 con la distribuzione Sony. Da quanto avrete già capito i concerti dei PAY non sono solo esibizioni live, ma sono vere e proprie feste dell’”aMMore” all’insegna del Rock’n’roll acrobatico, dell’”aMMore” e dell’avanspettacolo.
Dj Pelo e Vektro di Radio Lupo Solitario Due delle voci più importanti di Radio Lupo Solitario, ci presentano la loro selezione, di rock granitico a 360 gradi!

5 giugno AL-MUKAWAMA + Dj Vito War
AL-MUKAWAMA Zulù (99 Posse), Neil “Perch” (Zion Train) & Papa J (Malastrada). Due voci che si alternano, una musica potente a sostenere il messaggio, la rabbia, lo scherno. L’unione di due realtà nate in contesti diversi ma unite dallo stesso istinto di rivoluzione. Questo in sintesi il progetto, nato da un idea di Sasquatch, e reso possibile dall’incontro fra Luca “Zulù” e Papa J, membri fondatori dei 99 POSSE, e Neil “Perch”, “dubmaster” e anima ritmica degli ZION TRAIN. Da una parte la Posse che ha scritto una pagina indelebile nella musica indipendente italiana, dall’altra una “crew”, un “soundsystem” che non è solo un modo di espressione musicale e culturale ma è una filosofia di vita. Accompagnati in concerto da Dave “Hake”, trombettista dei Crispy Horns, e da Paolo “Bantone” Polcari, tastierista degli AlmaMegretta da qualche anno produttore a Londra, e dalle proiezioni di immagini di vita e di lotta curate dal regista Antonio Bocola, che con le sue costruzioni video introduce visivamente gli spettatori nel mondo descritto dalla musica e dalle parole del combo. Una nuova esperienza di condivisione musicale e politica per questo collettivo già impegnato a sostenere molte realtà diverse in Italia e nel mondo.
In un periodo storico in cui l’arabo e il musulmano vengono additati come terroristi e sanguinari, il combo musicale ha scelto un nome in arabo il cui significato è resistenza,
Dj Vito War La voce reggae di Radio Popolare, ci presenta la sua selezione di reggae, rocksteady e ritmi in pure giamaican style!

6 giugno DAVIDE VAN DE SFROOS + Spazio Petardo
Davide Bernasconi nasce a Monza, ma lì rimane per soli due anni, dopo di che la famiglia si trasferisce sul lago di Como. Qui viene a contatto con la vita dei piccoli paesi del lago, le loro tradizioni. Vive nel paese durante le feste, nei bar insieme ai giocatori di scopa, i contrabbandieri, i fumatori incalliti, i bevitori accaniti, ascolta le loro storie e le porta dentro di se. Nel tempo libero si dedica alla sua passione: la musica. Suona dapprima in un gruppo punk, i Potage, poi si dedica, con alcuni amici, ad un diverso tipo di musica, scritta da lui, una scelta che si potrebbe considerare azzardata: cantare in dialetto “tramezzino”, la lingua del suo paese. Quando canta, Davide trasmette le sue emozioni, raccontando le storie delle persone che ha conosciuto o di cui ha sentito parlare. Dopo pochi anni si dedica a tempo pieno alla musica, con i De Sfroos, con i quali suona su e giù per la sponda “comasca” del lago, dove raccoglie poco a poco sempre più pubblico sotto il palco! Dopo alcuni dischi e centinaia di concerti purtroppo il sogno si spezza e i De sfroos si sciolgono. Decide di ritirarsi momentaneamente e, dopo una pausa di riflessione torna sulle scene musicali dove si ripresenta in veste solista (voce e chitarra), pur sostenuto da quella che, con qualche periodica modifica, sarà la sempre più qualitativa Davide Van De Sfroos Band. Così scrive nuove canzoni, e nel 1998 con un nuovo stile esce il primo disco della Davide Van De Sfroos band, “Brèva e Tivàn”. Questo disco, insieme al mini cd “La poma” ed al libro “Capitan Slaff”, rappresenta una svolta nella sua musica, con una distribuzione più vasta del precedente ed un conseguente maggiore successo. La musica in tremezzino, le poesie, le favole, conquistano un pubblico sempre maggiore: il nome Van De Sfroos sfonda i confini della Lombardia. Nell’ottobre del 2001 pubblica un Cd, dal titolo, significativo, “E Semm partì”. L’album entra subito in classifica e registra un successo clamoroso infatti, dopo aver venduto 50.000 copie, nell’ ottobre 2002 riceve la Targa Tenco .
Spazio Petardo I dj del centro Sociale Conchetta, ci presentano una scanzonata e divertente selezione di pezzi attinta a piene mani dal rock, dal pop e dalla musica disco degli anni ’60, ’70, ’80. Revival per ballare sino a sfinimento!
Info per il pubblico: info@hard-staff.com, tel. 02 89422609, www.hard-staff.com
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.