Festival Express: nei cinema Usa (e poi in Dvd) la Woodstock itinerante del '70

Il leggendario festival itinerante che nell’estate del 1970 portò in giro per il Canada, su un treno equipaggiato di ogni “bene di conforto”, i Grateful Dead, Janis Joplin, la Band e altri musicisti di punta della scena musicale rock/country/blues dell'epoca, è diventato un film che, dopo la première avvenuta l’estate scorsa al festival del cinema di Toronto, farà il suo debutto a luglio nelle sale cinematografiche americane per poi essere pubblicato in Dvd.
Chi ha avuto già modo di vederlo ne parla come di un’opera degna di stare a fianco dei maggiori “rockumentary” di tutti i tempi, “Monterey Pop”, “Woodstock”, “The last waltz”, “Gimme shelter” e “Don’t look back” (non solo per la qualità della musica e delle performance, ma anche per i numerosi e gustosi “backstage”). L’equipe che ha lavorato sulle 46 ore di “girato” recuperate dai cassetti forniva del resto adeguate garanzie: il regista, Bob Smeaton, è lo stesso che (con Geoff Wonfor) ha curato il materiale video della “Beatles anthology”, mentre a sovrintendere all’aspetto sonoro del progetto è stato chiamato il celebre ingegnere del suono Eddie Kramer, collaboratore in passato di molte delle più grandi star del rock. Smeaton e i suoi collaboratori (tra cui il consulente James Cullingham, che sull’esperienza sta scrivendo un libro) hanno recuperato per l’occasione i negativi e i master audio a otto tracce originali custoditi presso gli archivi nazionali canadesi.
L’idea del treno viaggiante e del festival itinerante venne a Ken Walker, promoter canadese che l’anno prima aveva organizzato il celebre concerto di John Lennon passato poi alla storia come “Live peace in Toronto”; nel corso delle cinque date del tour (il 27 e 28 giugno 1970 a Toronto, il 1° luglio a Winnipeg, il 4 e 5 luglio a Calgary), accanto ai citati Dead, Band e Joplin (con la Full Tilt Boogie Band) si alternarono numerosi altri artisti, tra cui Buddy Guy, Flying Burrito Brothers (da poco orfani di Gram Parsons), New Riders of the Purple Sage, Mountain, Delaney & Bonnie, Ian & Sylvia, Seatrain, Eric Andersen e Tom Rush.

Dall'archivio di Rockol - Artisti che odiano i loro successi: 11 casi da manuale
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.