Peter Gabriel: 'Pronti ad altri venticinque anni di Real World'

Peter Gabriel: 'Pronti ad altri venticinque anni di Real World'

La Real World di Peter Gabriel si prepara a celebrare il suo venticinquennale distribuendo nei negozi, il 29 settembre, una tripla antologia contenente i "greatest hits" dell'etichetta (sul primo CD), oscurità meritevoli di riscoperta (sul secondo) e i brani preferiti dal pubblico (sul terzo). "Pensiamo di poter andare avanti altri venticinque anni", ha dichiarato a BBC News il musicista inglese, che attraverso un catalogo di oltre duecento titoli ha fatto conoscere al pubblico occidentale artisti come Nusrat Fateh Ali Khan, Papa Wemba, Sheila Chandra, Geoffrey Oryema, Ayub Ogada e The Drummers of Burundi, pubblicando - oltre agli album a suo nome - anche dischi dei Blind Boys of Alabama, di Joseph Arthur, degli Afro Celt Sound System e degli italiani Spaccanapoli e Tenores di Bitti.

"Finché il pubblico mostrerà interesse e continuerà a sostenerci pubblicheremo tutto il possibile", ha spiegato Gabriel intervenendo al Womad Festival che ha dato origine all'etichetta e che lo scorso weekend è andato in scena a Charlton Park nel Wiltshire inglese. "I dischi non vendono come una volta", ha ammesso. "E come consumatori dobbiamo scegliere se tornare a qualche forma di pagamento: quel che so, però, è che nel cuore delle persone c'è ancora molta generosità".

Tra i suoi progetti, il musicista - che sarà a Torino a novembre per un'altra data del suo tour "Back to front" - ha anticipato l'intenzione di aggiungere più musica latinoamericana al catalogo Real World e di allestire un palco dedicato al "world hip hop" al Womad. "Vogliamo spingerci un poco oltre i nostri confini per uscire dalla nostra zona di conforto". "Non ci siamo mai messi a collaborare con artisti che non ci piacevano", ha aggiunto a proposito delle politiche artistiche della Real World ricordando con particolare affetto la collaborazione con Nusrat Fateh Ali Khan, "il Pavarotti pakistano. Pubblicare i suoi dischi per noi è stato fondamentale perché lo abbiamo aiutato a trovare un pubblico al di fuori del Qawwali (la musica sacra del suo Paese, espressione del sufismo): quello è sempre stato uno degli obiettivi principali della nostra etichetta".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.