Israele, Rolling Stones low cost: meno di 60 dollari ai coristi per prove e live

Israele, Rolling Stones low cost: meno di 60 dollari ai coristi per prove e live

D'accordo che dividere il palco con Mick Jagger e Keith Richards possa essere un onore, e che tanti - tutti? - quelli che leggeranno queste righe siano sicuramente disposti, per essere titolari di un cameo sul palco di una delle più grandi rockband della storia, a prestarsi a costo zero, e raggiungendo la venue - ovunque essa sia - coi propri mezzi, ma quando a chiamare è il gruppo che in 24 anni pare abbia racimolato solo grazie ai concerti un miliardo e mezzo di dollari è lecito aspettarsi un rimborso spese all'altezza.

Il fattaccio, se così si può dire, è successo a Tel Aviv, dove i Rolling Stones hanno tenuto, ieri, una tappa del loro "14 on fire tour". Per la data in Israele la band aveva chiesto a un coro di una locale università di prendere parte all'esecuzione del classico "You can't always get what you want", brano solitamente eseguito - in tempi recenti - con il supporto di ensemble vocali esterni. Il cameo si sarebbe concretizzato in tre giorni di prove, che - ovviamente - avrebbero avuto il culmine la sera dello show. La doccia fredda, riferisce Hypebot citando la testata locale mako.co.il, è arrivato al momento di incassare il cachet: per il "disturbo", se così si può dire, a ogni corista sono stati corrisposti 200 shekel, circa 57 dollari americani. Molto meno di un biglietto d'ingresso per lo stesso show, e - più o meno - 117543 volte l'incasso fatto segnare al bottino di Tel Aviv, che secondo prime stime si aggirerebbe attorno ai 6,7 milioni di dollari. I portavoce del gruppo, per il momento, si sono rifiutati di commentare. "You can't always get what you want". Appunto...

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.