Jay Z preso a calci da Solange, sorella di Beyoncé - VIDEO

Jay Z preso a calci da Solange, sorella di Beyoncé - VIDEO

Jay Z sarebbe stato assalito da Solange Knowles, sorella di sua moglie Beyoncé, in un ascensore dell'albergo Standard di New York. Il bizzarro incidente si sarebbe verificato dopo il Met Gala dello scorso 5 maggio. La notizia viene riportata da TMZ, che la correda con un video dalla qualità non eccelsa. Secondo la versione del celebre sito, che fu il primo al mondo a riportare la notizia della morte di Michael Jackson, la cognata Solange ha attaccato improvvisamente Jay in un ascensore nel quale c'era anche Bey. Solange, entrando, rivolge le sue attenzioni poco pacifiche al cantante; un uomo, che potrebbe essere la guardia del corpo del rapper, tenta di arginare la furia di Solange ma quest'ultima gli sferra un calcio mirato alle parti basse. Beyoncé,












ammesso che si tratti di lei, non reagisce.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.