@live, la guida ai concerti della settimana: Skunk Anansie, Deerhoof e altri

@live, la guida ai concerti della settimana: Skunk Anansie, Deerhoof e altri

Il diciotto marzo del 2002, i Ramones entrano ufficialmente nella Rock and Roll Hall of Fame. Il discorso di “accompagnamento”, lo speech introduttivo, lo tiene Eddie Vedder, probabilmente il fan numero uno (e grande amico) della punk band di New York; un discorso che passerà alla storia. Eddie si presenta sul palco con la maglietta dei Ramones, il “chiodo” di pelle nera, il suo immancabile quaderno di appunti, una bottiglia di vino in mano e la testa, beh... date un’occhiata qui sotto. Le sue prime parole? “Hey, oh… Let’s go”.



Sono passati quattordici anni da quel momento. Eddie Vedder, oggi, ha i capelli di nuovo lunghi e sta portando i suoi Pearl Jam in giro per il mondo. Mancano ancora poco più di tre mesi al loro passaggio in Italia, ma la tensione inizia già a farsi sentire. Perché c’è poco da raccontarsela: le due date dei Pearl Jam a Milano e Trieste puzzano già di storia ancor prima che venga attaccata la spina alla corrente. In questi casi cosa si deve fare? Come si “ammazza il tempo”? @live è qui per questo. Ecco quattro buone ragioni per non lasciarsi prendere dallo sconforto in questa splendida settimana di metà marzo dal sapore ormai primaverile.

Contenuto non disponibile


In lista abbiamo due tour piuttosto consistenti e due date singole. Andando con ordine partiamo dagli Skunk Anansie. La band capitanata da Skin torna in Italia per tre date completamente in acustico. Gli Skunk sono una macchina da guerra dal vivo e sono particolarmente legati al nostro paese dove, storicamente, sono sempre stati accolti con grandissimo affetto. Queste date sono un’occasione speciale per ribadire questo affetto: se vedere gli Skunk Anansie suonare è quasi sempre una garanzia di successo, vederli in acustico è una chicca. Questa sera li trovate al Teatro Creberg di Bergamo, domani al Gran Teatro di Roma, giovedì al Teatro Auditorium Manzoni di Bologna.



L’altro tour in ballo è quello dei Public Service Broadcasting, duo londinese molto interessante che, come caratteristica principale, prende spunto dai vecchi film di propaganda (o spot a scopo informativo, roba vintage comunque) per creare i propri pezzi. Campioni a tutto spiano che vanno a installarsi su un tessuto rock e, ovviamente, sintetico. Il disco lo potete sentire in stream qui sopra. Secondo noi, come si suol dire, “valogono una messa”. Vista poi la quantità di date in cartellone, c’è quasi l’imbarazzo della scelta: questa sera al Lanificio 159 di Roma, domani sera al Magnolia di Segrate (circolo Arci, serve la tessera), Giovedì al circolo Mame di Padova, venerdì al Combo Social Club di Firenze e sabato sera al Covo di Bologna.
Gli ultimi due nomi riguardano due band con data unica, come già accennato. Sugli storicissimi Corrosion Of Conformity tenderemmo a non soffermarci più di tanto. La data al Lo-Fi di Milano è materiale per fan e intenditori. Noi però la consigliamo comunque a tutti, visto la portata del nome in questione. Seminali. Sui Deerhoof anche non c’è moltissimo da dire. Meno storici, ma solo relatovamente (i ragazzi sono a spasso dal lontano 1994) e forse meno clamorosi dei COC, ma il live in programma al Biko, sempre a Milano, rientra di diritto nella categoria degli imperdibili.

Bene, come di consueto, prima di chiudere permetteteci di fare gli auguri di buon compleanno al festeggiato del giorno. Oggi tocca a Jerry Cantrell, chitarrista e leader degli Alice In Chains, nato il 18 marzo del 1966. Happy birthday, Jerry. Per quanto riguarda noi, invece, il prossimo appuntamento è fissato per venerdì con una nuova selezione speciale firmata @Live. Se però nel frattempo non riusciste a sopportare l’attesa, su Rockol potete trovare news, photo gallery, ancora concert e recensioni: il tutto a portata di click.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.