Sanremo 2014: mercoledì 19 febbraio, la conferenza stampa dell’organizzazione

Sanremo 2014: mercoledì 19 febbraio, la conferenza stampa dell’organizzazione

Si apre con un vibrante comunicato del direttore generale della RAI, Luigi Gubitosi, la conferenza stampa quotidiana dell’organizzazione – tratta questioni politico-economiche, e non siamo la sede per riferirne. Seguono gli istituzionali ringraziamenti del vicesindaco di Sanremo, poi i numeri degli ascolti, secondo liturgia. “Straordinaria soddisfazione” esprime Giancarlo Leone, direttore di Rai Uno, prima di dare la parola a Fabio Fazio, che rievoca l’episodio di cronaca in apertura della serata di ieri sera e si dice orgoglioso dell’esibizione di Ligabue, poi Luciana Littizzetto esalta la generosità di Raffaella Carrà e si passa alle domande.

Un giornalista della sala stampa recrimina sui risultati delle votazioni di ieri sera, sostanzialmente accusando il televoto di aver privilegiato la canzone meno “importante” e quindi rivendicando al voto della sala stampa un orientamento più “alto” e colto – si temono, in attesa dei dati (promessi), delusioni per i colleghi saccenti. Nando Pagnoncelli dell’IPSOS svela immediatamente i dettagli. Il giudizio della sala stampa coincide con quello del televoto per cinque cantanti su sette; fanno eccezione Raphael Gualazzi & Bloody Beetroots e Cristiano De André, i due casi in cui la sala stampa ha votato diversamente dal televoto (e per la canzone sconfitta). Come volevasi dimostrare. Dato che televoto e voto della sala stampa “pesavano” al 50% ciascuno, non si vede cosa ci sia da lagnarsi.

A titolo personale, l’autore della presente notizia conferma di aver votato – sia nei due casi citati sia in tutti gli altri casi – per la canzone che poi ha vinto, e rivendica orgogliosamente la propria conformità al gusto popolare, quindi la propria alterità rispetto all’atteggiamento corrente della cosiddetta stampa musicale.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.