Caso Alina, la mamma difende il produttore

Francesca Deidda, madre della giovane cantante Alina, interviene in difesa del manager della figlia, Alfonso Bettini, coinvolto in una polemica sull’utilizzo di minori nel business show in seguito a delle dichiarazioni rilasciate alla trasmissione televisiva “Lucignolo” sul ruolo, secondo lui del tutto secondario, dei genitori dell’artista (vedi News).

“A quell’intervista”, spiega la mamma di Alina, “abbiamo assistito anche noi. Il giornalista insisteva, malgrado gli avessimo detto che non volevamo parlare. Dopo l’ennesima richiesta, al produttore (Alfonso Bettini) sono saltati i nervi”.
“La sua è stata una reazione esasperata”, aggiunge la signora Deidda, “ma la sostanza è vera: gli artisti devono essere gestiti dai manager nelle cose artistiche; i genitori hanno un altro ruolo”. (Fonte: Il Giorno, La Stampa, Corriere della Sera, La Repubblica)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.