Comunicato stampa: the Hangmen in concerto all'Indian Saloon

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

21/01/2003
h 21.30
INDIAN'S SALOON
Via Clerici, 342 - Bresso (Mi)
special guest Good Ol' Boys

Los Angeles' the Hangmen were the original cowpunks, doing it before and better than bands like the Supersuckers (Eddie Spaghetti has called them, "one of my favorite bands of all time"). Bandleader/singer/guitarist Bryan Small moved from Idaho to Los Angeles in 1984 and formed the group, driven by the amazing output of bands like the Gun Club and X. After a lot of buzz and major-label mishaps with their 1989 Capitol debut, the members of the band struggled with addiction and the label's rejection of their sophomore album. 2000's Metallic I.O.U. may have marked a strong return for this Johnny Cash-meets-the Stooges-and-AC/DC band, but We've Got Blood on the Toes of Our Boots, recorded live at Swinghouse Studios, captures the true grit, dust, and raw power of the Hangmen better than a traditional studio album could. From the whoop-and-holler Southern California scum-punk of "Last Drive" to the ominous metal of "Walking in the Woods" to the Gun Club-meets-Gram Parsons desolation of "I Luv U," the Hangmen are Los Angeles to the core. Just listen to the glammed-up "My Way" where "the palms keep swaying" and "my mind is in the gutter." The Hangmen may have had their share of troubles, but We've Got Blood on the Toes of Our Boots proves they're a relentlessly relevant band who links Los Angeles' punk heyday with its country flair. — Charles Spano - www.allmusic.com

Imagine if Johnny Thunders had replaced Mick Taylor instead of Ronnie Wood. 'Some Girls' might have sounded like this." Cosmik Debris

"The toughest, most unapologetic record in many years" Launch.com

"The best Rock album of the year so far..." New Times Los Angeles

"Metallic I.O.U. is Bryan Small's supreme triumph" LA Weekly

"I'm tossing the 'Album Of The Year' award to this lot!" KNAC.com

"A nose-thumbing, do it my way, fuck all brand of fueled up rock n' roll" Ontario Music
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Massimo Bonelli (iCompany, Concerto del Primo Maggio)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.