Esce 'Bagus'. Cremonini: 'Finalmente'

Esce 'Bagus'. Cremonini: 'Finalmente'

"Finalmente 'Bagus'", è il caso di dirlo: ed è proprio un raggiante quanto torrenziale (nel rispondere alle domande dei giornalisti, convocati a Milano per la presentazione alla stampa del primo disco del frontman dei Lunapop) Cesare Cremonini a rallegrarsi per questa uscita, "potenzialmente il secondo disco dei Lunapop, ma forse anche meglio, perché realizzato con l'apporto di nuovi e formidabili musicisti".

E proprio dalla questione Lunapop si parte: "Vi riconfermo che i Lunapop esistono ancora", non si stanca di ripetere Cesare, "Semplicemente, tensioni e problemi causati dal nostro enorme successo ci hanno costretto a interrompere momentaneamente le attività: ma questo capitolo è ancora aperto". E poi via, a parlare di "Bagus": ottanta minuti di musica ("Meglio sfruttare al massimo l'ispirazione, finché c'è"), registrata in uno studio "trasformato per l'occasione in un eremo felice" (come ci ha confermato anche il produttore Walter Mameli) in quel di Cesena, che raccontano in maniera quanto mai esplicita e diretta l'"universo Cremonini". Un universo fatto di donne (Erika, la sua ragazza, che vive a Bali e alla quale è dedicata "Piccola Ery"), fidanzate ma anche madri ("In 'PadreMadre' dico ai miei genitori tutto quello che non riesco a dirgli parlando"), con le quali vive un rapporto forse non pacificato ma sicuramente ironico: "Se il disco d'esordio dei Lunapop rappresentava le emozioni di un ragazzo tra i 15 e i 18 anni, 'Bagus' - parola indonesiana che sta a rappresentare tutto ciò che è bello e buono - è il gradino immediatamente successivo: sono maturato sia personalmente che artisticamente, e questo, nell'album, penso che si senta". Cremonini, però, da consumato (in senso buono) showman - che non risparmia falsa molestia ed una captatio benevolentiae piuttosto goffa ai giornalisti - ha le idee molto chiare circa il prodotto musicale che ha appena dato alle stampe: "Non chiedetemi che cosa mi ha influenzato nel realizzare 'Bagus': mi piacerebbe che lo scopriste voi. Sicuramente i Queen, ma anche i Pink Floyd, e tutta la musica pop che ho ascoltato in tutti questi anni". Ma i fan, Cesare lo sa bene, aspettano altro: "Per il momento programmi estremamente precisi non esistono, sicuramente il tour partirà tra la primavera e l'estate del prossimo anno. Nel frattempo, appariremo il prossimo sabato nel programma televisivo di Morandi, 'Uno di noi'. Anche se", tra il serio e il faceto, "ci piacerebbe essere ospiti di Maria De Filippi.". Per un'eventuale riconciliazione coi Lunapop, scherzano i più maliziosi? "Cosa direi ai miei colleghi se li rincontrassi?", dice ridendo a denti stretti Cesare, "Riparliamone tra un anno. Forse è meglio.". .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.