Comunicato Stampa: Boyz II Men

Comunicato Stampa: Boyz II Men
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

BOYZ II MEN

Non c’è limite di tempo per il vero talento. Esempio lampante: Boyz II Men.
I quattro ragazzi, famosi per le loro armonie vocali - Nathan Morris, Michael McCary, Shawn Stockman e Wanya Morris – hanno strabiliato il mondo nel 1991 con l’album d’esordio “Cooleyhighharmony” (multi-platino). Da allora, il quartetto ha realizzato delle autentiche pietre miliari della musica, capaci di sbarrare la strada agli altri artisti loro contemporanei. Tra queste pietre miliari, ci sono singoli a lungo al numero uno delle chart R&B/pop, come “End of the Road” e “I’ll Make Love To You”, per non parlare delle popolarissime hit “On Bended Knee” e “One Sweet Day” (featuring Mariah Carey), quest’ultima scritta dai Boyz II Men ed, a tutt’oggi, il singolo con il maggior numero di settimane di permanenza al No. 1 nella storia di Billboard.
Tuttavia, in quest’epoca che così facilmente dimentica, la domanda che più di frequente gli artisti si sentono rivolgere è: “Non sono importanti i risultati che hai raggiunto in passato…cosa hai fatto recentemente?” I Boyz II Men hanno sfidato questa tendenza e, forti del loro glorioso passato, hanno rivolto lo sguardo al presente e al futuro, realizzando Full Circle, il sesto album in studio per il gruppo ed il primo per l’Arista Records, la loro nuova etichetta.
“Ciò che davvero importa è la musica”, esclama Wanya. “Può farti provare emozioni, ballare, cantare o pensare… è questo che davvero conta per noi, è la convinzione che muove tutto il nostro mondo”.
Certamente le 14 canzoni del nuovo album, non solo riporteranno i vecchi fans del gruppo alla totale riscoperta di quelle melodie R&B che sono da anni il marchio di fabbrica dei Boyz II Men, ma tenteranno anche i nuovi, i quali non potranno resistere alla voglia d’indagare in questa raccolta così intrisa d’umori della musica contemporanea. Il ritorno alle origini non sorprende, essendo già palese nel cambio d’etichetta; una mossa che ha riunito il gruppo con il Presidente/CEO della storica compagnia discografica, Antonio “L.A.” Reid, a suo tempo co-produttore della canzone vincitrice del Grammy Awards “End of the Road” con Babyface (autore del brano, così come di “I’ll Make Love to You”). I Boyz II Men, hanno anche ritrovato i produttori della Flyte Tyme, Jimmy Jam & Terry Lewis, autori di “On Bended Knee”, il singolo da top 5 del 1994.
“E’ una delle ragioni che ci hanno fatto scegliere quel titolo per l’album”, riferisce Shawn. ”Ci siamo ritrovati con tutte quelle persone che erano al nostro fianco agli inizi. Ci sentiamo tornati alla base, una rinascita che ci riporta a riassaporare le emozioni dei nostri esordi. Mentre registravamo questo disco, abbiamo dato libero sfogo a noi stessi. Infatti, le canzoni di Full Circle risentono fortemente dell’energia che abbiamo sprigionato e ciò ha permesso d’aprire i nostri cuori e scavare a fondo nelle nostre emozioni, per cantare canzoni che tirano fuori il meglio di noi vocalmente e dal punto di vista emozionale”.
L’ascolto del refrain nel singolo “The Color of Love”, spiega alla perfezione la missione musicale dei Boyz II Men: “If it comes from the heart, you know it’s true” (se viene dal cuore, allora è autentico). Scritta e prodotta da Babyface, “The Color of Love” è la dimostrazione della grande tradizione del gruppo nell’ambito delle romantiche ballate. Già un successo nelle radio, il singolo che Wanya definisce come “la nostra ‘End of the Road’ 2002”, sta già facendo storia anche per il suo videoclip. E’ la prima volta infatti, che un video utilizza quattro tra i migliori registi del settore, in quattro location separate per ognuno dei componenti del gruppo e collocate in diverse aree del mondo. “Abbiamo voluto sottolineare il concetto che di fronte all’amore siamo tutti uguali”, chiarisce Shawn. Partendo da New York e dal New Jersey, l’itinerario ha portato Nathan ad Accra (Ghana), con il regista Benny Boom; Michael a Jaipur (India), con Little X; Shawn a Tokyo (Giappone), con Hype Williams e Wanya a San Juan (Puerto Rico), con Chris Robinson.
Utilizzando un'altra “linea di colore”, Full Circle include musica che “colorerà i vostri cuori come l’arcobaleno”. Tra gli altri brani, “Oh Well” è una tenera ballata composta dai Boyz II Men e Jimmy Jam & Terry Lewis, che in maniera struggente, cattura le angosce di un amore che finisce e le speranze di una riconciliazione. Invertendo la marcia, i quattro ragazzi collaborano con il compagno d’etichetta Rob Jackson per “Ain’t A Thang Wrong”, un pezzo dalla ritmica hip hop scritto da Shawn Stockman; con la straordinaria Faith Evans, nel groove cha cha di “Relax Your Mind” - canzone che utilizza un campione tratto da “I Like It” dei DeBarge -, mentre l’ammaliante mid-tempo di “Howz About It”, trova il gruppo al lavoro col produttore Edmund “Eddie Hustle” Clement (Usher). La lista dei collaboratori del disco, include anche R. Kenneth (K-FAM), Fambro (Destiny’s Child, Dave Hollister), PAJAM (N’Sync, Sisqo, Kelly Price), Scott Storch (Roots feat. Erykah Badu, Eve feat. Gwen Stefani, Dr. Dre, Christina Aguilera) e Carlos McKinney (Divine, Before Dark, Kandice).
“E’ fondamentalmente un album soul, dove noi facciamo quello che sappiamo fare meglio: cantare canzoni d’amore. Le ballate sembrano vivere di vita propria, ma ci sono anche pezzi ballabili e mid-tempo dotati di grinta e morbide vibrazioni”, spiega Shawn.
“Siamo tornati al nostro stile caratteristico”, aggiunge Wanya, “cercando d’aggiungere più personalità, maggiore aderenza con quello che siamo oggi, singolarmente e come gruppo. Una cosa è essere in grado di cantare…il che è in ogni caso una benedizione, un’altra è mostrare la propria personalità attraverso il canto ed essere capaci di fornire qualcosa che il pubblico può sentire veramente, non solo ascoltare”.
Questo è da sempre il modus operandi dei Boyz II Men, sin dal loro incontro, avvenuto dieci anni fa quando erano tutti studenti alla School for the Performing Arts di Philadelphia. Il quartetto si è conquistato il suo brillante futuro nel backstage di un concerto dei New Edition, cantando a cappella per Michael Bivins. Quest’ultimo, componente dei New Edition, ha creduto subito nelle grandi capacità vocali dei quattro ragazzi alle prime armi e li ha aiutati ad assicurarsi il primo contratto discografico con la Motown. Partendo dal disco multi-platino del 1992 “Cooleyhighharmony”, i Boyz II Men hanno pubblicato altri quattro vendutissimi album: “Christmas Interpretation”, “II”, “Evolution”, “Nathan Michael Shawn Wanya”, mentre il greatest hits “Legacy”, è uscito lo scorso anno. Lungo questo percorso, il gruppo ha totalizzato oltre 60 milioni di dischi venduti nel mondo, guadagnandosi una serie di premi dell’industria discografica, tra i quali Grammy Awards, American Music Awards, World Music Awards, NAACP Image Awards, Soul Train Music Awards e polverizzato alcuni record storici delle classifiche, tra i quali quello della più longeva permanenza al numero uno della classifica americana. Prima di loro, quel primato apparteneva ad Elvis Presley con la sua “Heartbreak Hotel” e i Boyz hanno spogliato ‘il re’ della sua corona, grazie alla loro straordinaria canzone del 1992, “End of the Road”. Il loro successo, li ha portati anche di fronte a centinaia di migliaia di persone, in esibizioni dal vivo che hanno toccato tutto il globo del pianeta Terra.
Facendo due conti, tali record e riconoscimenti significano che i Boyz II Men sono andati ben oltre i proverbiali15 minuti di celebrità: “Penso che siamo arrivati a durare almeno 25 minuti”, dichiara Shawn ridendo. “Tuttavia, di solito si tende a guardare con occhi diffidenti quegli artisti che hanno ottenuto un considerevole successo. Abbiamo fatto cose che molti altri gruppi non sono stati in grado di fare, ma abbiamo anche avuto i nostri alti e bassi e i nostri bisticci. Non è facile, ma siamo ancora qui. La cosa importante è che noi amiamo davvero cantare ed è esattamente quello che facciamo”. Full Circle mirabilmente offre alcune delle migliori performance canore che si siano ascoltate in giro da tempo. Non è la fine del percorso per i Boyz II Men. E’ un bellissimo nuovo inizio.

ALBUM RELEASE
26 luglio 2002
www.click2music.it
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.