I Daft Punk e la politica francese

I Daft Punk e la politica francese
Singolare polemica tra i candidati alla presidenza francese, Jacques Chirac e Lionel Jospin, e i Daft Punk. I due politici infatti avevano scelto il famoso singolo ”One more time”, tratto dall'album “Discovery”, come colonna sonora della campagna elettorale. I produttori del disco Thomas Bangalter and Guy-Manuel De Homem Christo hanno bloccato e vietato l'uso del pezzo ai politici, anche se sembra che Chirac non li abbia presi sul serio. “Se continueranno ad usare il nostro disco” ha continutato Pedro Winter, il manager dei Daft Punk, “in questa campagna, i candidati andranno contro la legge, e se andranno contro la legge, avremo un fuorilegge come prossimo presidente”. Il motivo di tutto ciò? Il manager sostiene sia principalmente per una questione di età; Jospin 64 afferma che Chirac, 70 anni è troppo anziano per continuare ia mantenere il suo incarico.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.