Morte di Whitney Houston: altri tristi particolari nel rapporto del coroner

Morte di Whitney Houston: altri tristi particolari nel rapporto del coroner

Emergono nuovi particolari dall’autopsia effettuata sul corpo di Whitney Houston. Il rapporto finale del coroner evidenzia degli aspetti per nulla noti della cantante morta lo scorso 11 febbraio. A riferirlo è il tabloid inglese The Sun che dettagliatamente elenca altri particolari tristi e sconcertanti che non conoscevamo. Whitney Houston aveva il setto nasale perforato a causa dell’abituale uso di cocaina. L’artista nota nel mondo per la sua versione di “I will always love you” portava la dentiera, una parrucca castana e negli anni si era sottoposta a numerosi interventi di chirurga estetica al seno, addome ed esterno cosce. Sulla pelle della Houston sono stati trovati molti strati di pelle mancanti a causa dell’elevatissima temperatura della vasca nella quale è stata trovata faccia in giù. L’acqua era a 33° sei ore dopo la morte, il che suggerisce che al momento dell’annegamento la temperatura fosse addirittura di 65°. Come già riferito, la causa della morte è stata accidentale e l’esame tossicologico ha riportato tracce di cocaina, il tranquillante Xanax, il rilassante muscolare Flexeril, ma anche Benadryl (che di solito si usa contro le allergie) e un antipiretico. L’esaminatore ha inoltre evidenziato una puntura di siringa all’interno del gomito sinistro e una ferita all’avambraccio sinistro identificata come “autoinflitta”. Due giorni prima della morte, il 9 febbraio scorso, la Houston era stata fotografata all’uscita di un club di Hollywood con del sangue su una gamba. L’artista, che aveva partecipato ad una festa organizzata dalla cantante Kelly Price, secondo indiscrezioni  avrebbe cercato di ferirsi a morte nella toilette del locale dopo aver visto il suo ex Ray J flirtare con una donna.

Suo partner invece sul grande schermo è stato Kevin Costner nel film “The bodyguard”. L’attore ha rivelato al programma della CNN “Anderson Cooper” d’aver cercato d’aiutare la Houston scrivendole alcune lettere nelle quali offriva la sua sincera amicizia. “Volevo esserle d’aiuto, ma non so nemmeno se quelle missive le abbia mai lette”, ha spiegato l’attore che soffriva nel vedere una donna di grande talento consumarsi con le droghe.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.