Sei giovani voci italiane per i nuovi jingles Coca-Cola

Sei giovani voci italiane per i nuovi jingles Coca-Cola
Il nuovo spot pubblicitario della Coca-Cola, in onda sulle reti televisive italiane da domani 9 maggio, si avvale di quattro jingles affidati alle voci di sei giovani artisti italiani. Si tratta di Francesco Renga e Syria (insieme per un testo di Renga e una musica di Stefano Demaio), Carlotta e Paolo Meneguzzi (insieme per un testo scritto da entrambi su musica di Lucio Fabbri), di Niccolò Fabi, autore del testo e della musica, e dei Gemelli DiVersi (testo e musica: Merli, Godi, Stranges, Aleotti e Busnaghi). La campagna è stata sviluppata in Italia da McCann Erickson con la collaborazione di Ferdinando Salzano.
Dall'archivio di Rockol - racconta "Aspetto che torni", il brano in gara a Sanremo 2019
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.