Jazz altrove’, singolare rassegna a maggio ad Alessandria

Jazz altrove’, singolare rassegna a maggio ad Alessandria
Si terrà ad Alessandria nei giorni 4, 5 e 6 maggio 2001 la rassegna “Jazz Altrove- incontro fra jazz e altra musica", con la direzione artistica di Gianni Coscia, personaggio-chiave del jazz alessandrino e italiano. Finalità della rassegna, che nasce quest'anno e che è ad ingresso libero, è quella di mettere a contatto il linguaggio del jazz con idiomi musicali ad esso esterni ma spesso contigui quali la canzone, il folk e la musica colta.
Si parte venerdì 4 maggio con una serata che avrà come "anfitrione" il cantautore cuneese Gianmaria Testa. Ci saranno le sue canzoni, una selezione delle quali è stata arrangiata per l'occasione da Fred Ferrari che conosce da vicino sia il linguaggio del jazz che quello della scrittura per orchestra (ricordiamo soltanto il tour e relativo doppio album "Vai Rrouge" con Enrico Ruggeri) e che per l'occasione dirigerà l'Orchestra Classica di Alessandria, attiva dal 1996 negli ambiti più differenti, dalla lirica alla sinfonica, alla leggera.
Ospiti della serata (che si svilupperà attraverso vari quadri concatenati fra loro, da intendersi proprio nell'accezione teatrale del termine, un po' come se ne esistesse una vera e propria sceneggiatura) saranno il trombettista Paolo Fresu per la sponda jazzistica, e Nada, che canterà sia con Testa, sia accompagnata dall'orchestra in un omaggio a Piero Ciampi, sia, ancora, con il suo trio abituale, forte di due membri degli Avion Travel quali Fausto Mesolella e Ferruccio Spinetti.
La serata di sabato 5 maggio vedrà invece l'incontro fra il folk dei Tre Martelli e due artisti dall'energia creativa particolarmente spiccata: il canadese Robert Amyot, polistrumentista e cantante ma anche scrittore e uomo di teatro, e il sardo Antonello Salis, pianista jazz che ormai da molti anni ha riscoperto l'uso dello strumento su cui si era fatto le ossa: la fisarmonica
Il concerto conclusivo, domenica 6 maggio, segnerà infine l'incontro fra la pratica improvvisativa propria del jazz ma non solo e la scrittura di tradizione colta. Due sono gli autori prescelti, entrambi alessandrini. Nella prima parte si ascolteranno infatti due pagine per coro di Roberto Beltrami. Il solista-improvvisatore (che rispetterà tuttavia anche ampie sezioni scritte) è Gianluigi Trovesi, che con i suoi clarinetti sarà ospite, nella seconda parte della serata, anche dello strumentale Sacrificium Justitiae, elaborato per l'occasione da Alberto Colla.
A dirigere il tutto sarà Raffaele Mascolo, molto attivo sia in Italia che all'estero anche nelle vesti di solista di pianoforte. Il coro da camera impegnato nelle pagine di Beltrami sarà invece diretto da Marco Berrini, specialista nel settore, particolarmente attento alla vocalità contemporanea. Sia l'ensemble strumentale che i venticinque coristi (dieci soprani, quattro contralti, cinque tenori e sei bassi) provengono dal Conservatorio Antonio Vivaldi di Alessandria, a conferma di come tutta la rassegna intenda valorizzare musicisti alessandrini.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.