Star Academy: intervista alla concorrente Francesca Romana D'Andrea

Star Academy: intervista alla concorrente Francesca Romana D'Andrea

Star Academy, talent show musicale che avrebbe dovuto sostituire su Raidue X Factor, migrato a sua volta su Sky, ha chiuso i battenti: le prime ed uniche tre puntate hanno avuto pessimi ascolti (6,41 % di share la prima, 5,94 % la seconda e 4,61 % la terza) e la produzione ha optato per una chiusura anticipata, lasciando ai concorrenti la possibilità di esibirsi un'ultima volta il sabato pomeriggio (sarebbe dovuto essere lo scorso 22 ottobre) in playback, nella puntata riassuntiva pomeridiana. I cantanti in gara non hanno preso bene l'iniziativa e hanno scelto di rinunciare alla proclamazione di un vincitore, rifiutandosi anche di cantare su delle basi e non accompagnati dall'orchestra come accadeva il giovedì in prima serata: "Abbiamo iniziato ad esibirci il giovedì sera in diretta su Raidue e volevamo finire così, con la visibilità che ci spettava", ha raccontato a Rockol Francesca Romana D'Andrea, una delle concorrenti che si è mobilitata per "sabotare" la puntata di sabato pomeriggio. "Non è certo colpa nostra se il programma ha chiuso in anticipo. Certo di dispiace, ma capiamo anche che non si sarebbe potuto continuare così. C'erano dei problemi di confusione generale sin dalla prima puntata, problemi che partivano dalle votazioni, dove non si capiva il meccanismo, fino ad arrivare all'audio, che non andava bene. Ci credo che la gente non si sia appassionata al programma, è andata male e può succedere, ma almeno avremmo voluto esibirci un'ultima volta con l'orchestra, non in playback nella fascia pomeridiana senza nemmeno il conduttore Francesco Facchinetti". La concorrente spiega quali fossero le loro proposte per chiudere per lo meno "con dignità" il programma: "Inizialmente volevamo registrare con l'orchestra i brani e lasciarli trasmettere sabato pomeriggio, ma la produzione ha detto no, così abbiamo chiesto di essere inseriti di default tra i concorrenti in gara per le selezioni di Sanremo Giovani che si terranno a Domenica In a partire da metà novembre. Ce lo devono, non ci hanno praticamente dato il modo di farci sentire, non ci hanno fatto cantare, in tre sole puntate non si può giudicare la bravura di un concorrente. Siamo in attesa di una risposta, a breve ci comunicheranno se potremo gareggiare per il Festival di Sanremo oppure no". A Rockol, che ha verificato la possibilità che i concorrenti di Star Academy passino in automatico alle selezione di Sanremo Giovani, questa ipotesi non risulta.
"I tutor in questo ci hanno appoggiato molto", continua la ragazza, "Io personalmente ho lavorato con Ron e ho avuto il piacere di scoprire in lui una bellissima persona che ha saputo valorizzare le mie qualità. Mi manca molto il gruppo, ma riusciamo comunque a tenerci in contatto. E' stata una bella esperienza, rifarei tutto sin dall'inizio, e poi esibirmi su quel palco, in diretta televisiva, è stato bellissimo". "Mi auguro davvero che ci accettino come concorrenti alle selezioni di Domenica In", conclude la cantante, "Altrimenti… pazienza, sono giovane e so che ho ancora molto da fare. Con Star Academy non ho nessun tipo di contratto, tutto è stato sciolto con la fine del programma. Ricordo ancora quando a mia madre arrivò la mail per partecipare al casting: non c'era scritto nulla, non si sapeva ancora niente, mi sono presentata a Roma in una scuola di musica e lì ho fatto il primo provino superandolo, poi è arrivato il secondo e poi il terzo, al Teatro Verdi di Milano, dove ero in gruppo con Mattia ed Emanuela. Ci hanno comunicato che eravamo ufficialmente entrati a far parte del programma facendoci ascoltare la nostra voce registrata mentre cantavamo, è stata un'emozione grandissima. A chi avrei fatto vincere Star Academy? A Mario! E' bravissimo per la voce che ha e per come la usa".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.