Dr. Dre: 'Siamo stati rapinati'

Dr. Dre: 'Siamo stati rapinati'
Ancora polemiche infiammano il post Grammy: dopo lo sfogo di Bono degli U2, che si è sentito penalizzato da ragioni extra artistiche, ora anche il mentore-produttore di Eminem Dr. Dre si abbandona a recriminazioni. Il padre del gangsta rap ha infatti dichiarato alla Reuters: "Siamo stati rapinati". Il producer sospetta che dietro il mancato Grammy a "The Marshall Mathers LP" come album dell'anno ci sia un vero e proprio complotto ordito ai suoi danni: "Per essere sinceri, penso che tutto ciò sia successo a causa delle lotte intestine in seno alla giuria per l'assegnazione dei Grammy". I sospetti sono subito caduti sui 13.000 membri votanti dell'Academy, che potrebbero aver fatto muro contro Em, infastiditi dalle sue controverse posizioni su minoranze e stili di vita, anche se il presidente del NARAS Michael Greene minimizza: "Le opinioni di Eminem non hanno influenzato assolutamente nessuno".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.