Paul Van Dyk vince una causa contro la sua vecchia etichetta

Paul Van Dyk, DJ di punta della scena trance europea, ha vinto una causa contro la sua vecchia etichetta tedesca, la MFS.

Secondo l'etichetta, Van Dyk avrebbe dovuto far uscire il suo nuovo disco, "Out there and back", proprio per la MFS, con cui Van Dyk aveva firmato un contratto nel 1992 e aveva fatto uscire due album. La MFS sosteneva che fosse ancora valida un’opzione sul terzo album presente nel contratto. Van Dyk, che aveva già firmato con l'etichetta inglese Deviant, sosteneva che l'opzione era decaduta. Il giudice che si è occupato della causa ha dato ragione a Van Dyk, decidendo che il DJ tedesco avrebbe potuto pubblicare il disco per la Deviant (in Inghilterra) e, come da accordi raggiunti da Van Dyk stesso, per la Universal in tutto il mondo. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.