I film muti ritrovano la musica in una rassegna

Si svolgerà a Roma, nei locali del "Classico Village" in Via Libetta, 3 (ingresso ore 21.30, £ 15.000 compresa la prima consumazione) la rassegna “Musica dalle città mute” che presenta, con l’accompagnamento musicale dal vivo, una selezione di pellicole. Al centro della rassegna è il tema della città, sviluppato nel percorso musicale in modo complementare a quanto avviene sullo schermo, creando un ideale collegamento tra il mondo di allora e le nostre realtà urbane. Il programma completo è disponibile sul sito www.classico.it. Tra le pellicole in programmazione: “La folla” (1928) di King Vidor e “Femmine folli” (1922) di Erich von Stroheim. Tra i musicisti che si esibiranno nel corso delle serate - che partono il prossimo 28 aprile per chiudersi il 19 maggio – ci saranno gli Slow Motion, il percussionista Arnaldo Vacca, Eugenio Colombo (compositore e sassofonista jazz) e Ettore Fioravanti (batterista).
Dall'archivio di Rockol - Virtual Time, 'Waves Are Calling' #Nofilter per Rockol
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.