Nuove classifiche UK: rivoluzione nei singoli con Craig David primo e Richard Ashcroft terzo, mentre negli album Moby conquista la vetta a spese di Santana. Gli Oasis riprendono qualche posizione. Non funziona il live dei Pink Floyd.

E’ “Fill me in” il singolo che conquista il nuovo primo posto delle classifiche britanniche. Craig David, l’interprete, è uno dei due componenti degli Artful Dodger, abbastanza conosciuti in UK. “A song for the lovers”, il debutto di Richard Ashcroft come solista dopo lo scioglimento dei Verve, si ferma per ora in terza posizione. La canzone, dall’ispirazione un po’ alla Waterboys, deve cedere il passo a “Flowers” a firma Sweet Female Attitude, anch’essa una new entry. Titolo nuovo anche sul quarto gradino, col gruppo “teen” degli Steps che piazza la sua “Deeper shade of blue”, e pure sul quinto e sesto. Al numero 5 i chiacchierati Bloodhound Gang con “The bad touch”, al sesto Lock’n’Load con “Blow ya mind”. L’ex regina delle charts “Never be the same again” di Melanie C e Lisa “Left Eye” Lopes scende dalla seconda alla settima posizione; destino pressoché identico per “Fool gain” dei Westlife, che dal numero uno cade ora sull’ottavo scalino. Scivola anche “Say my name” delle Destiny’s Child, ora nona, mentre l’ultima nuova entrata in Top 10 è rappresentata, appunto al numero 10, da “Airwave” dei Rank 1. “Bag it up” di Geri Halliwell passa dall’ottavo al diciannovesimo posto, entrano in Top 15 i Moloko (“The time is now”, undicesima) ed i Basement Jaxx (“Bingo bango”, tredicesima).
Per quanto riguarda gli album, dopo un lunghissimo avvicinamento alle zone nobili delle charts, durato venti settimane, “Play” di Moby si piazza al vertice e scalza “Supernatural” di Santana dal vertice. Il disco del baffo è secondo, mentre terzo, ed in veloce risalita, è l’omonimo dei Westlife. “Reload” di Tom Jones è quarto, “Northern star” di Melanie C (che recupera sette punti) quinto, “On how life is” di Macy Gray sesto, l’ex regina “The man who” dei Travis settimo. Viaggiano ancora in tandem i due album di Shania Twain: “Come on over” è ottavo (dopo ben 89 settimane di permanenza), “The woman in me” nono. Chiude la Top Engelbert Humperdinck, cantante “classico”, con “At his very best”.
Gli Oasis riescono a rosicchiare qualche posizioncina e passano dal numero 18 al 14 col loro ultimo "Standing…”. Debutto così così per “Lost souls” dei Doves; il disco del gruppo “adulto” di Manchester, lodato sui settimanali musicali britannici, è per ora sedicesimo. Cade rovinosamente “Drawn from memory” degli Embrace. Nonostante la copertina dell’NME, i fratelli McNamara passano dal numero 8 al 19. Gli acquirenti britannici si mostrano poi sospettosi nei confronti di "Is there anybody out there? Live” dei Pink Floyd; l’album dei rockosauri, dopo un esordio al numero 15, passa ora al 21. Infine, una nota amara per gli Elastica. Il loro “The menace”, faticosamente partorito dopo ben cinque anni di gestazione, si affaccia solo in ventiquattresima posizione.
Music Biz Cafe, parla Massimo Bonelli (iCompany, Concerto del Primo Maggio)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.