Crazy Town in Italia: «Ribalteremo Milano!»

Shifty Shellock, voce e minacce, Epic Mazur, campionatore, Rust Epique e Trouble, chitarre, Faydoedeelay, basso, James Bradley Jr, batteria, e Dj Am, piatti e scratching.

Insieme fanno i Crazy Town, band losangelina hip hop - metal che ha debuttato di recente con un album intitolato “The gift of game”. Riff di chitarra da far impallidire i Peppers, una potenza hip hop devastante, canzoni dal linguaggio esplicito e dalle apparenze poco raccomandabili: insomma, ce n’è per fare di loro un gruppo di successo presso i rock’n’roll kids di tutto il mondo, come dimostrano le 80mila copie del loro album già vendute negli States. E uno stile di vita che sprizza rock’n’roll da tutti i pori: in attesa di vederli in concerto a Milano, stasera 12 febbraio al Rolling Stone, abbiamo cercato di reperirli al telefono. Il primo appuntamento, con la band ancora in California, è andato buco per colpa di una session fotografica programmata in parallelo: in compenso al secondo appuntamento – dopo una buona mezz’ora d’attesa - siamo riusciti a parlare al telefono per qualche minuto con il chitarrista Trouble, proprio mentre il leader carismatico della band, Shifty, veniva dato per desaparecido a Berlino. .


«Tutto bene?», esordisce Trouble, che telefonicamente sfodera una pronuncia da vero hip hop losangelino. «Noi stiamo ok, sono giornate molto concitate queste, e siamo spiacenti che la nostra puntualità nelle interviste ti abbia fatto penare...»
Acqua passata, piuttosto complimenti per il disco, è molto potente...
«Vero eh? Ce l’abbiamo fatta a farlo esattamente come volevamo, d’altra parte da un’unione così esplosiva non poteva che venire fuori un disco del genere!»
Eh già, ma è stato difficile mettere insieme il gruppo?
«No, non direi, in definitiva Shifty e Epic erano in giro già da parecchio tempo, anche se avevano fondamentalmente lavorato a dischi di altri artisti. Ci siamo conosciuti tramite amici comuni, e poi a poco a poco siamo arrivati tutti a destinazione».
Il gruppo sembra vivere di due nature differenti: da un lato c’è il metal, dall’altro l’hip hop: in quale di queste due metà ti senti più a tuo agio?

«Direi in entrambe. Alla fine, anche se suono la chitarra sono stato sempre un grande amante della musica hip hop, e il mio sogno era proprio quello di mescolare questi due mondi. Per il resto ho una grande stima dei miei colleghi nel gruppo, per cui so che faremo sempre meglio: questo è soltanto l’inizio!»
Nell’album sono coinvolti personaggi prestigiosi come i Red Hot Chili Peppers, che firmano con voi “Butterfly”, e il rapper KRS One: da dove nascono queste collaborazioni?
«Dall’amicizia. Frusciante e Flea conoscono Shifty e Epic, è stato quasi uno scherzo avere la loro collaborazione alla scrittura di un brano, e la stessa cosa è successa con KRS One, che noi tutti rispettiamo enormemente».
Il 12 febbraio sarete in Italia, al Rolling Stone di Milano: cosa succederà quella sera?
«Cosa succederà? Ribalteremo Milano! La conquisteremo sin dai primi pezzi! Vogliamo dimostrare a tutti chi siamo, con un concerto che non sarà facile dimenticare. Per me poi questo sarà un concerto particolare, perché io sono nato a Milano...»

Ma dai...
«Davvero! Non parlo una parola di italiano, ma sono nato lì e a Milano ne approfitterò per andare a trovare i miei nonni, che vivono ancora in città.»
Come sta andando il vostro album negli States?
«Direi bene, visto che siamo quasi a 100mila copie, e il lavoro di promozione è appena iniziato. Comunque anche il nostro tour USA è andato bene, e quindi non ci resta che lavorare bene e suonare molto qui in Europa, per farci conoscere anche dal vostro pubblico...è per questo che non vediamo l’ora di suonare in Italia, sarà la nostra prima volta...»
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.