I vicini di Ozzy Osbourne protestano per le luci accese

I vicini di Ozzy Osbourne protestano per le luci accese
Credits: Screenshot Legend Of Ozzy
Ozzy Osbourne, principe delle tenebre - una volta. Sembra che il cantante dei Black Sabbath non riesca più a dormire se non tiene accese le luci del giardino che fa parte della sua proprietà nel paese di Jordans, in Gran Bretagna. Il Madman non si sente sicuro se non vede accesi tutti i lampioni; e così i suoi vicini hanno protestato presso il Comune, che in gennaio si pronuncerà sulla questione. C'è un precedente sfavorevole: pochi mesi fa il sindaco del paese dove abita Noel Gallagher, che dista solamente otto chilometri dalla residenza di Ozzy, ha ingiunto al chitarrista degli Oasis di non provare neppure a mettere i fari necessari ad illuminare il suo campo da calcio privato.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.