Shola Ama presenta ‘In return’

Shola Ama Campbell, 20 anni compiuti da qualche mese, ha la faccia da ragazza della working class cui è stato regalato un sogno - che non intende lasciarsi scappare.

«Ho lavorato molto sulla voce e la scrittura dei testi per questo secondo album. E ne sono fiera. L’ho intitolato "In return" perché è qualcosa che ho voluto dare ai miei fans, in cambio di quanto loro hanno dato a me decretando il successo del primo» . Sedici canzoni, non poche per una giovane cantante di brit-soul. «Non ce l’ho proprio fatta a sceglierne dodici. Alla fine, queste erano troppo vicine al mio cuore per lasciarle fuori» . "Imagine", "Can’t have you", "Queen for a day" e "In return", tuttavia, sono le più vicine di tutte. « Non potevo mettere i testi di sedici canzoni sul cd, sarebbero state troppe. E così ho voluto privilegiare queste quattro, le mie preferite in assoluto tra quelle che ho scritto» , spiega Shola, che è stata scoperta ragazzina da Kwame Kwaten, componente dei D-Influence, mentre cantava a voce alta in metropolitana. «Stavo cantando un pezzo di Mariah Carey, quando questo strano tipo mi si avvicina e mi chiede se mi interessa fargli da corista» . Da cosa nasce cosa, e Kwame è tuttora tra i suoi produttori. Ma rispetto al debutto con "Much love", ora Shola è saldamente entrata in cabina di regia. «In questi anni sono cresciuta. Ero entrata bambina in un mondo di adulti, ma tengo troppo alla mia musica per lasciarne il controllo a qualcun altro» . Tuttavia la sua vocazione principale non è sempre stata la musica. «Diventare cantante non era il mio sogno. Volevo diventare una celebrità. Magari anche recitando, ballando. Mio nonno Colin era la star di famiglia: ha fatto un paio di telefilm, e due programmi televisivi. Quando da piccola lo vedevo, sognavo di imitarlo. Poi ho capito quanto mi piace la musica, e scrivere canzoni» . .


Dell’Italia ha due ricordi: la collaborazione coi Sottotono («Grandi artisti, conosciuti tramite la casa discografica» ) e le lezioni di italiano frequentate, ma - sostiene - con profitto appena sufficiente. «Come mi piace il cappuccino» , declama quasi priva di accento britannico. A proposito di Gran Bretagna, Shola si rammarica dell’atteggiamento del suo paese verso il suo genere musicale. «Sia chiaro, sono fiera di essere cittadina britannica, e di non essere una delle migliaia di cantanti americane. Ma il tipo di musica che faccio è svantaggiato dal fatto che da noi chi la suona è accusato di copiare dagli Usa. Ma non farei cambio: sono nata a Londra, dove c’è una grande apertura culturale; in America c’è una maggiore ghettizzazione e scontro etnico» .
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.