Biografia

Joss Stone (vero nome Joscelyn Eve Stoker) nasce l’11 aprile del 1987 a Dover, Inghilterra meridionale, e all’età di otto anni si trasferisce ad Ashill, un piccolo villaggio di campagna del Devon dove per lungo tempo risiede con la famiglia (due fratelli, una sorella e la madre, che le fa anche da manager quando decide di tentare la carriera artistica). Si appassiona fin da piccola al rhythm and blues del periodo “classico”, e soprattutto alla voce di Aretha Franklin: il “Greatest hits” della regina del soul, scoperto con una pubblicità televisiva, è il suo primo e più importante acquisto discografico (tra gli altri suoi artisti preferiti Joss cita Otis Redding, James Brown, Bob Marley, ma anche India.Arie, Lauryn Hill e Black Eyed Peas). Dopo le prime esibizioni in ambito scolastico, realizza a 14 anni un provino per “Star for a night”, programma televisivo di varietà della Bbc: vince le selezioni e, in Tv, interpreta una versione di “On the radio” di Donna Summer. La notano i produttori londinesi Boilerhouse Boys (Andy Dean e Ben Wolfe) che la segnalano all’americano Steve Greenberg, fondatore e titolare dell’etichetta S-Curve Records. Joss ottiene così, a sedici anni, il primo contratto discografico che frutta THE SOUL SESSIONS, disco di cover (prevalentemente) r&b ricreato con i protagonisti del Miami Sound anni ’70 (Betty Wright, Timmy Thomas, Latimore, Little Beaver) e a cui partecipano anche “?uestlove” dei Roots e Angie Stone. L’album riscuote grande successo in tutto il mondo (oltre due milioni di copie vendute, di cui mezzo milione in Gran Bretagna) e proietta immediatamente la giovane artista nello star system internazionale. Fioccano le lodi da parte di colleghi come Paul Weller, Mick Hucknall e Lenny Kravitz, mentre Mick Jagger la chiama a duettare con lui nella colonna sonora del remake di “Alfie”, celebre pellicola inglese degli anni ’60 che diede il titolo anche a una delle più note composizioni di Burt Bacharach. A meno di un anno di distanza dal debutto, nell’autunno del 2004, arriva MIND, BODY AND SOUL, il primo disco interamente composto di canzoni originali, gran parte delle quali firmate anche dalla giovanissima cantante. In studio con lei di nuovo il gruppo del Miami Sound al gran completo, Angie Stone, “?uestlove” e Nile Rodgers, mentre tra gli autori delle canzoni figurano la ex Portishead Beth Gibbons e Lamont Dozier, leggendario hit maker della scuderia Motown; all’album fa seguito un DVD live, MIND, BODY & SOUL SESSIONS LIVE IN NEW YORK CITY, che include un concerto registrato il 9 settembre del 2004 all'Irving Plaza. Qualche tempo dopo la Stone ammette tuttavia di non essere completamente soddisfatta dei risultati e decide di mettersi a fare di testa sua. Sceglie come nuovo alter ego musicale il produttore nu-soul Raphael Saadiq, già al fianco di D’Angelo, Roots, Snoop Dogg, Mary J. Blige e Macy Gray e sforna, nel 2007, un nuovo album significativamente intitolato INTRODUCING JOSS STONE che propone una nuova immagine non solo musicale della giovane artista (capelli rossi, minigonne aderenti, simboli “peace & love”) avvalendosi della partecipazione di ospiti importanti come Common e Lauryn Hill. In marzo è anche sul palco del festival di Sanremo, dove presenta il nuovo singolo “Tell me ‘bout it” insieme a una cover di “Respect”.
Per un nuovo disco bisogna aspettare ottobre 2012, dopo che la lavorazione di una raccolta è già iniziata nel 2010, ma è stata posticipata e poi annullata per divergenze con la casa discografica. Esce infatti THE SOUL SESSIONS VOL. 2 in cui la venticinquenne, come al debutto di nove anni fa, successi soul degli anni Settanta.
Nel 2015 pubblica il suo settimo album in studio, WATER FOR YOUR SOUL, con la partecipazione di Damian Marley. (11 dic 2017)