Biografia

Figlio del cantautore Pierangelo Bertoli (“Eppure soffia”, “A muso duro”, “Pescatore”, “Sogni di rock’n’roll”), Alberto Bertoli nasce a Sassuolo il 24 settembre 1980. Il padre gli insegna a suonare la chitarra, lui approfondisce gli studi spaziando dalla classica al blues. Entra a far parte degli S.L.A.M. The Door e degli Iceland, accompagna il padre come corista in concerti e apparizioni televisive, si fa notare in alcuni concorsi canori provinciali. Nella 2001 partecipa come ospite al “Festival della canzone dialettale modenese” con “‘Na roda cla gira”, scritta per lui dal padre, ed entra a par parte del cast del musical “The rocky horror show”, messo in scena dalla compagnia Thiaso, nel doppio ruolo di Eddie e del Dr. Everett Scott.
Partecipa alle session dell’ultimo album incompiuto del padre. Dopo la morte di quest’ultimo avvenuta nel 2002, suona coi Sempre Noi e infine abbraccia la carriera solista debuttando un inedito scritto da Ligabue per Pierangelo Bertoli (“Le cose cambiano”, 2009). Dopo avere aperto due concerti del rocker di Correggio nel 2010, l’anno successivo Alberto Bertoli pubblica l’ep di otto canzoni “Il tempo degli eroi”. Nel settembre 2012 è sul palco di Italia Loves Emilia, il concerto di beneficenza per le vittime del terremoto, dove si unisce al coro all stars sulle note di “A muso duro”. Sempre in settembre organizza il tributo al padre “Canterò le mie canzoni per la strada” a cui partecipano, tra gli altri, Enrico Ruggeri, Luca Carboni e i Tazenda. Nel 2014 esce il suo primo vero album intitolato semplicemente ALBERTO BERTOLI, prodotto da Beppe Carletti dei Nomadi. (13 feb 2014)