«DEMON DAYS LIVE - Gorillaz» la recensione di Rockol

Gorillaz - DEMON DAYS LIVE - la recensione

Recensione del 22 mag 2006

La recensione

I Gorillaz sono sempre stati un gruppo “fantastico”: artisti celati dietro a divertenti e strambi personaggi animati. In realtà si conoscono benissimo i nomi di coloro che si nascondono dietro a questo progetto, ma è bello rispettare questa forma di fantasia con cui i musicisti (Damon Albarn dei Blur in testa) hanno deciso di farsi rappresentare.
Nell’aprile del 2005, però, per cinque serate i Gorillaz si sono trasformati in una band in carne e ossa. La formazione inglese ha infatti tenuto una serie di concerti all’Opera House di Manchester per presentare dal vivo il secondo lavoro “Demon days”. Una band in carne e ossa, si diceva, ma fino ad un certo punto. I Gorillaz si presentano infatti come delle ombre nere, delle silhouette mascherate da un gioco di luci e circondati da due sezioni d'archi, un coro gospel, una squadra di ragazzini delle scuole di Manchester e vari e prestigiosi ospiti d'onore che si avvicendano sul palco o in video.
Dopo un’introduzione con estratti dalle colonne sonore di “Dark earth” e “Dawn of the dead”, il concerto prende piede con “Last living soul” e continua con “Kids with guns” (che vede come ospite la splendida voce di Neneh Cherry), “O Green World”, “Dirty Harry” (con Bootie Brown), il singolo “Feel Good Inc.” rappato con i mitici De La Soul, “El manana”, “Every planet we reach is dead” (con la fugace partecipazione del leggendario Ike Turner al piano ), “November has come” (con il contributo audio-video di MF Doom), “All alone” (con Roots Manuva e Martina Topley Bird), “White light”, “Dare” (con l’ex Happy Mondays Shaun Ryder), “Fire coming out of the monkey’s head” (con un reading dell’attore Dennis Hopper), “Don’t get lost in heaven” e “Demon days”. Il penultimo brano è uno dei momenti più toccanti del live: si tratta di “Hong Kong”, canzone presente sulla compilation benefica “Help! A Day in the life” nella quale Damon Albarn compare in carne e ossa sul palco, accompagnato da un’eterea cetra cinese suonata dalla bravissima Zeng Zhen: davvero da pelle d’oca. Chiude lo spettacolo “Latin Simone”, episodio accompagnato da un contributo video di Ibrahim Ferrer, icona della musica cubana scomparso qualche tempo prima dello show.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.