«BUGGED - Baby Bird» la recensione di Rockol

Baby Bird - BUGGED - la recensione

Recensione del 09 mag 2000

La recensione

Stephen Jones, alias Babybird, è arrivato al suo ottavo album in cinque anni e questa volta, lontano dagli esercizi di stile del precedente "There's something going on" - deliberatamente dark - esplora la complessità del suo mondo musicale, con il desiderio di mostrare che Babybird è quello che tutti conoscono ma molto altro ancora. Realizzato unicamente con l'aiuto di Matt Hay al suono e del chitarrista Luke Scott, "Bugged" raccoglie dieci brani, tra cui il singolo "The F-word" e l'interessante "Getaway", un brano sul bisogno, ogni tanto, di staccare da tutto.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.