«NAPLES CALLING - 'A67» la recensione di Rockol

"Naples Calling": gli 'A67 raccontano la società senza peli sulla lingua

Il nuovo disco crossover della band napoletana è carico di critica e satira, ma non si limita a questo

Recensione del 31 gen 2020 a cura di Riccardo Primavera

La recensione

Gli 'A67 sono una band napoletana attiva dal 2005, anno della loro prima pubblicazione ufficiale, “'A camorra song'io”. Da allora, nei quattordici anni successivi, la band ha cambiato formazione e componenti, realizzando nel frattempo diversi progetti – tre album ufficiali e due EP – e partecipando a festival e manifestazioni di rilevanza nazionale ed internazionale. Il loro nome è legato alla legge n. 167 dell'aprile '62, legge sull'edilizia popolare che ha dato il via alla costruzione di Scampia, il quartiere partenopeo nel quale è nata la band. La loro produzione, che mescola diversi stili, è un crossover politicamente e socialmente impegnato, con liriche pregne di denuncia pungente, a volte declinata in chiave ironica, altre in maniera decisamente più riflessiva. Cantano non solo del proprio vissuto, ma anche e soprattutto di ciò che li circonda, con un occhio critico mai banale, sfruttando con naturalezza tanto il dialetto napoletano quanto l'italiano.

“Naples Calling” - titolo che omaggia “London Calling” dei Clash – è il loro quinto album ufficiale, uscito per Full Heads e distribuito da Believe/Audioglobe. La formazione che ha realizzato il disco è composta da Daniele Sanzone alla voce, Enzo Cangiano alle chitarre e Gianluca Ciccarelli al basso. Al loro fianco, in “Naples Calling”, intervengono diversi ospiti - tutti nomi di spessore assoluto della musica italiana: Frankie HI-NGR MC in “Brava gente”, Caparezza in “Il male minore”, Franco Ricciardi in “Core e pensieri” e Dario Sansone in “L'ammore nun tene paura”.

“Naples Calling” è un progetto ambizioso, un disco che riunisce un ampio ventaglio di sonorità e atmosfere. La band napoletana è però riuscita a farle convivere in maniera coerente dal punto di vista delle atmosfere, abbracciando sound profondamente diversi. Nella tracklist trovano infatti spazio brani dalle delicate venature pop, con ritornelli impeccabili dal punto di vista melodico, che si alternano poi a pezzi dell'anima elettronica particolarmente spinta; o, ancora, reinterpretazioni moderne di un blues dall'animo graffiante, a cui seguono ballad fortemente emotive. L'ultimo album degli 'A67 riesce nell'impresa di unire il particolare e l'universale, tematiche sociali scomode e sentimenti ed emozioni travolgenti, provocazioni affilate e dichiarazioni d'amore intense. “Brava gente” ad esempio è un'incalzante disamina del sistema italiano e di quanto quest'ultimo sia privo di meritocrazia – non è un caso che la strofa di Frankie HI-NRG MC sia in questa traccia, legata da un notevole fil rouge a “Quelli che benpensano” -, e subito dopo “Il male minore” sembra raccontare proprio la mentalità di chi, per forza di cose, sceglie di adattarsi al sistema raccontato in “Brava gente”. Oppure l'energia travolgente di “Blue moon”, love song energica, trova il suo perfetto contraltare nella delicatissima “Viola”, raccontando le due facce della stessa medaglia, quella dell'amore. Dopo un primo blocco di 8 tracce in italiano, il disco si chiude con un quartetto di canzoni in napoletano; una sorta di “ritorno a casa” per la band, che nel proprio dialetto riesce ad esprimere in maniera particolarmente verace le proprie emozioni. “Tuyo”, la traccia che conclude l'ascolto, è inoltre una sorpresa inaspettata: chiunque abbia visto “Narcos” almeno una volta coglierà al volo l'omaggio. 

"Naples Calling" non è un disco rap, non è un disco rock, non è un disco pop, non è un disco di musica elettronica: è tutto questo e altro, è un amalgama curata sin nei minimi dettagli, in grado di lasciare qualcosa a chiunque l'ascolti.

TRACKLIST

01. Zero alibi (03:10)
02. Brava gente (03:02)
03. Il male minore (03:32)
04. Blue moon (03:35)
05. Viola (03:11)
06. Nì (03:33)
07. Fuori luogo (02:43)
08. I colori (03:37)
09. Core e penzieri (03:37)
10. L'ammore nun tene paura (04:23)
11. Naples calling (03:17)
12. Tuyo (02:46)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.