«NEVER BORING - Freddie Mercury» la recensione di Rockol

Freddie Mercury mai noioso neanche da solista: il box retrospettivo

Tra le tante frasi avvolte dalla leggenda pronunciate da Freddie Mercury, ne è stata scelta una significativa per questa opera dedicata alla sua produzione fuori dai Queen

Recensione del 01 nov 2019

La recensione

di Roberto De Ponti

«You can do anything with my work, but never make me boring», puoi fare quello che vuoi con la mia musica, ma non rendermi mai noioso: tra le tante frasi avvolte dalla leggenda pronunciate da Freddie Mercury, quella rivolta sul letto di morte a Jim Beach ha autorizzato il management a diverse operazioni, alcune riuscite altre meno, per salvaguardare l’arte e la musica del lead singer dei Queen. Mai noioso, never boring. E "Never Boring" si intitola l’ultima uscita, a quasi 28 anni dalla sua scomparsa, un compendio definitivo del lavoro solista di Freddie, rivitalizzato (si può dire?) dal successo planetario del biopic Bohemian Rhapsody.

Dice il saggio di non giudicare mai un libro dalla copertina, ma se questo assunto non fosse valido allora Never Boring sarebbe già un capolavoro, a prescindere dal contenuto. Perché il contenuto, per ovvi – purtroppo – motivi, difficilmente può sorprendere il fan più accanito. Trattasi di ristampa degli album solisti di Mercury, che sarebbero poi due, più un’ulteriore raccolta, "Never Boring" appunto, con un paio di brani parzialmente inediti (o meglio, piuttosto rivisitati). Più, nell’ordine: DVD con i video di Freddie, Blu-Ray dei medesimi e un libro di 120 pagine – la vera chicca della confezione – 25x25 cm con copertina rigida e diverse foto inedite (paradossalmente riferite più al fronte Queen che alle parentesi soliste), più ancora una cartolina e un poster stampato su entrambi i lati con immagini di Freddie e due dipinti sinestetici dell’artista Jack Coulter che sarebbero ispirati alla canzone "Mr. Bad Guy" e che vengono riproposti come foderine raccoglitore rispettivamente dei tre CD e dei due dischi video. In copertina, una foto tratta dalla famosa (o famigerata) festa per il trentanovesimo compleanno di Freddie all’Henderson’s di Monaco di Baviera, quella immortalata nel video di Living On My Own. Trasgressiva il giusto.

Tutto questo ben di dio per giustificare il prezzo non proprio abbordabilissimo dell’opera e per conquistare due fasce opposte di pubblico: i fan di lunga data, quelli che dei dischi di Freddie Mercury hanno già versione originale, ristampa e ristampa della ristampa, e che cercano un pezzo da collezione; e quelli arrivati a frotte dopo l’ondata inarrestabile del film (a proposito, la prefazione del libro è firmata da Rami Malek, il Freddie cinematografico), che possono in un colpo solo portarsi a casa la discografia completa del nostro eroe.

Contemplato l’involucro, non resta che ascoltare la musica «mai noiosa» di Mercury, e questa per i fan di lunga data di cui sopra diventa l’operazione più complessa. Novità? "Time Waits For No One", che poi volendo essere pignoli sarebbe Time sostanzialmente ripulita di cori e strumenti aggiuntivi, prodotta dal vecchio amico Dave Clark; "Love Me Like There’s No Tomorrow", riarrangiata e remixata; volendo, il rifacimento con orchestra di "Barcelona", cantata con la diva Montserrat Caballé, dove ai sintetizzatori si è sostituita un’orchestra autentica diretta da Stuart Morley: una versione però già pubblicata nel 2012 e non particolarmente apprezzata da uno dei coautori, Mike Moran, che all’epoca la bollò così: “Freddie l’ha voluta in quel modo perché gli piaceva così, io non l’avrei cambiata”. Per chi volesse riascoltarla, la versione preferita da Moran (e a quanto pare da Mercury) basta comunque ascoltare il terzo CD, quello originale di Barcelona: c’è anche quello.

Niente di nuovo allora? Attenzione, non è così: ascoltare l’intero album "Mr. Bad Guy" e scoprire che diverse parti sono state risuonate seguendo le linee (il basso, soprattutto) della versione originale è una vera goduria per le orecchie. Il suono è più equilibrato, ricco e potente rispetto all’originale. Ed è il modo migliore per celebrare le qualità di cantautore e di performer di Mercury.

Quanto agli occhi, si possono accontentare (in Blu-Ray e in DVD) dei video promozionali di Freddie e delle sue performance sul palco con Montserrat Caballé, rieditati dalle pellicole originale 35mm, più un paio di non fondamentali contenuti extra.

L’opera segue le indicazioni di Mercury? Sì, di sicuro non annoia. Se qualche fan – sì, sempre loro – dovesse però pensare che il monumentale boxset offre poco di inedito e di non ascoltato, be’ non andrebbe troppo lontano dal vero.

TRACKLIST

CD1: Never Boring
The Great Pretender
I Was Born To Love You
Barcelona
In My Defence
Love Kills
How Can I Go On (Single Version)
Love Me Like There’s No Tomorrow
Living On My Own (Radio Mix)
The Golden Boy (Single Edit)
Time Waits For No One
She Blows Hot And Cold
Made In Heaven

CD2: Mr. Bad Guy – Special Edition
Let’s Turn It On
Made In Heaven
I Was Born To Love You
Foolin’ Around
Your Kind Of Lover
Mr. Bad Guy
Man Made Paradise
There Must Be More To Life Than This
Living On My Own
My Love Is Dangerous
Love Me Like There’s No Tomorrow

CD3: Barcelona – Special Edition
Barcelona
La Japonaise
The Fallen Priest
Ensueño
The Golden Boy
Guide Me Home
How Can I Go On
Exercises In Free Love
Overture Piccante

Blu-Ray e DVD: Never Boring
Made In Heaven
The Great Pretender
Living On My Own
Barcelona
I Was Born To Love You
Time Waits For No One
In My Defence
Living On My Own (Radio Mix)
The Golden Boy (La Nit performance, Barcelona)
How Can I Go On (La Nit performance, Barcelona)
Barcelona (La Nit performance, Barcelona)
Bonus Videos
Freddie Mercury & Dave Clark Time Interview
The Great Pretender (Extended Version)
Barcelona (Ku Klub performance, Ibiza)

TRACKLIST

03. Barcelona - 2012 Orchestrated Version (05:42)
06. How Can I Go On - 2012 Orchestrated Version / Single Version (03:58)
09. The Golden Boy - 2012 Orchestrated Version / Single Edit (05:12)
11. She Blows Hot And Cold - Special Edition (03:25)
12. Made In Heaven - Special Edition (04:05)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.