«PURE AND SHINING - Mèsico» la recensione di Rockol

Mèsico: leggi qui la recensione di "Pure and shining"

“Pure and Shining”, è il secondo lavoro discografico di Mèsico, moniker scelto da Paolo Mazzacani, già noto esponente della musica elettronica e ambient su scala europea nel progetto Tempelhof.

Recensione del 19 dic 2017 a cura di Marco Jeannin

La recensione

Ogni canzone ha un significato profondo per me, sono totalmente ispirate alla mia vita. Ogni pezzo è stato scritto in un momento diverso e ogni parola racconta qualcosa sulle persone ed i luoghi di cui mi sono innamorato negli ultimi anni. Questo disco è il mio personale tentativo di racchiudere tutto in un unico infinito abbraccio.

Mèsico è l’ex Tempelhof Paolo Mazzacani. Dopo l’esordio datato 2016, “A long betrayal”, torna ad un annetto di distanza con un album nuovo di zecca, dodici pezzi giocati sull’alternanza di un’elettronica a base sintetica e pezzi più esplicitamente acustici su cui si innestano una serie di melodie molto dolci e delicate, portate avanti dal cantato di Mazzacani stesso. Un approccio formale misurato ad un genere potenzialmente coloratissimo, che Mazzacani padroneggia bene andando ad alleggerire il più possibile con una produzione mirata. Un songwriting molto pulito che i primi due pezzi in scaletta, “Abdicate to love” e “Long way back” definiscono molto bene, impostando quello che sarà sostanzialmente il canone dell’intero disco.

Un lavoro delicato, invernale, molto intimo; una parata di ricordi che Mazzacani ha tradotto in musica per poterli fissare definitivamente. Un lavoro convincente sia nei momenti narrativi quanto in quelli descrittivi, strumentali come l’interessante “Good luck”, brani che permettono di integrare i propri pensieri con quelli di chi i pezzi li ha scritti. Un bel modo per entrare in contatto, empatizzare con un disco che nella sua semplicità risplende di una purezza quasi ingenua, sfociando saltuariuamente addirittura in una certa malinconia (“The albatross”, pezzo sorprendentemente a cavallo tra Nick Cave e i Tear for Fears).

TRACKLIST

01. Abdicate to Love (04:12)
02. Long Way Back (04:45)
03. A Beautiful Bride (04:08)
04. Harlem (03:09)
05. The Devotees (05:43)
06. Oh, Storm! (02:56)
07. Good Luck (04:01)
08. A Story for Lovers (03:38)
09. Your Church (03:00)
10. Bolthorn (03:28)
11. The Albatross (In Memory of a Friend) (03:29)
12. Don't Ask Me Why (02:35)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.