«ON AIR - Queen» la recensione di Rockol

“On air”: tutto quel che c’è da sapere sulle BBC session dei Queen

La band di Freddie Mercury alla radio britannica: la nascita di uno stile, il suo consolidamento, l’esplosione creativa. E una versione di “We will rock you” mischiata a “Siddhartha”: la recensione di "On Air"

Recensione del 07 nov 2016 a cura di Claudio Todesco

La recensione

È una specie di epifania. È il momento in cui, secondo Brian May, i Queen trovano sé stessi. Negli studi londinesi della BBC, il quartetto inglese presenta nel febbraio 1973 una delle sue prime composizioni, l’epica fantasy “My fairy king” frutto della fervida immaginazione di Freddie Mercury. “Per la prima volta” scrive May “vedemmo Freddie lavorare al massimo delle sue capacità”. Oggi quell’esecuzione di “My fairy king”, la prima in assoluto ad essere trasmessa da una radio, apre “On air”, album doppio – sestuplo nella Collector’s Edition, triplo in vinile – che contiene le esibizioni dei Queen alla BBC. Realizzate tra il febbraio 1973 e l’ottobre 1977, quelle sei session radiofoniche sono un ibrido fra registrazioni in studio ed esecuzioni dal vivo, presentano sovraincisioni e tracce preregistrate, fotografano l’evoluzione costante di una band che proprio in quel periodo trova la sua personalità e ottiene un successo clamoroso.

I piani per la pubblicazione delle BBC session dei Queen risalgono a un quarto di secolo fa. Nel 1989 venne pubblicato “Queen at the Beeb”, due facciate con brani dalle session del 5 febbraio 1973, tra cui la stessa “My fairy king”, e del 3 dicembre dello stesso anno. Ma al di là del mercato dei bootleg, la discografia ufficiale della band non offriva uno sguardo completo alle performance radiofoniche di quello che molti considerano il periodo migliore dei Queen: la nascita di uno stile, il suo consolidamento, la messa a punto di un sound unico, l’esplosione creativa. I Queen che entrano al Langham 1 Studio nel febbraio 1973 suonano da un paio d’anni, ma non hanno ancora messo a fuoco la personalità esplosiva che li caratterizzerà. “My fairy king”, “Keep yourself alive”, “Doin’ all right” e “Liar” sono registrate per “Sound of the 70s” di John Peel con un contratto discografico in tasca, ma nessun album nei negozi. C’è già un’idea di sound elettrico eccitante, incalzante, attraversato da parti vocali stratificate, registrate in fare di post produzione – si ascolti “Keep yourself alive”, che sarà il primo 45 giri della formazione. È un punto importante: non si tratta di esecuzioni live. Come ha spiegato Brian May a Record Collector quindici anni fa, “partivamo dalle basi, cui stavamo lavorando per le versioni dell’album, e sovraincidevamo le parti vocali, una chitarra qui, altre cose là. Quel che ascoltate è perciò una miscela di materiale registrato ai Trident Studios e parti incise in gran fretta negli studi della BBC”.

La seconda session ebbe luogo il 25 luglio 1973 e oltre a “Liar” e “Keep yourself alive” offrì “Son and daughter”, anch’essa pubblicata un paio di settimane prima nell’album di debutto. “See what a fool I’ve been” dimostra quanto i gruppi dell’epoca dovessero al rock-blues e quanto i Queen in particolare avessero studiato la lezione dei Led Zeppelin (la versione in studio finì come retro del singolo di “Seven seas of Rhye”). La canzone è attribuita a Brian May, ma è evidentemente ispirata a “That’s how I feel” di Sonny Terry & Brownie McGhee. I Queen tornarono negli studi della BBC a fine anno, il 3 dicembre. Di quella session sono qui presenti quattro canzoni, che vanno a completare il primo CD di “On air”. Il gruppo aveva nel frattempo registrato ma non ancora pubblicato il secondo album, da cui estrae “Ogre battle”, più “Great King Rat”, “Modern times rock’n’roll” e ancora “Son and daughter” dall’esordio. La band concepisce le canzoni come tour de force, le parti vocali hanno più carattere. I Queen sono una band affamata di musica, ma il meglio deve ancora venire.

La quarta session ha luogo sempre al Langham 1 il 3 aprile 1974. Delle quattro canzoni eseguite, “On Air” ne offre tre, lasciando fuori “March of the Black Queen”. Trasmessa dodici giorni, la session offre una versione più lenta di “Moden times rock’n’roll”, con la voce arrochita di Roger Taylor in primo piano, e due pezzi dal secondo album che a quel punto era già stato pubblicato, il magnifico minuto e mezzo di “Nevermore” e “White Queen (As it began)”, con Mercury che si accompagna al pianoforte e tira fuori la sua personalità di performer. Si cambia scenario per la session successiva, del 16 ottobre 1974: perché avviene al Maida Vale Studio 4 e perché nel frattempo i Queen hanno inciso “Sheer heart attack”, da cui prendono quattro pezzi che resteranno inediti per alcune settimane, fra cui l’appariscente teatro musicale di “Now I’m here”.

La sesta e ultima session ha luogo tre anni dopo, il 28 ottobre 1977 al Maida Vale Studio 4, una seduta-fiume che dura qualcosa come dodici ore. Nel frattempo sono usciti i classicissimi “A night at the opera” e “A day at the races”. Purtroppo non ce n’è traccia perché quel 28 ottobre arriva nei negozi “News of the world” e la session finisce per essere interamente incentrata su quel 33 giri a partire da “We will rock you”. La base sembra quella della versione in studio, poi accade qualcosa d’inatteso: il pezzo si ferma e si ascolta una voce femminile recitare un passo del “Siddhartha” di Herman Hesse. Il gruppo aveva sentito casualmente il frammento nei nastri della BBC riciclati per la loro session e decise di tenerlo. Il pezzo riprende poi in versione veloce. È un gruppo molto diverso da quello ascoltato nelle session precedenti: più navigato e diretto, più sfrontato e meno naif. In grado, anche, di fornire versioni che differiscono da quelle registrare in studio. Per non dire di Freddie Mercury, performer cresciuto, più autorevole, dall’indole melodrammatica più accentuata. In chiusura della session c’è una versione di “My melancholy blues” con May alla chitarra e Mercury istrionico al pianoforte, un bel modo di chiudere “On air”. Le session sono state restaurate dal fonico Kris Fredriksson e masterizzate da Adam Ayan.

La Collector’s Edition del disco contiene altri quattro dischi. Il primo contiene registrazioni dal vivo effettuate in tre occasioni, la prima a Londra il 13 settembre 1973, il loro primo show trasmesso dalla radio, all’interno del programma “In concert” che era stato inaugurato prima dai Led Zeppelin, vedi le loro formidabili “BBC sessions”. Vi sono poi una mezza dozzina di pezzi dal famoso show allo stadio di San Paolo in Brasile del 20 marzo 1981, di fronte a qualcosa come 130 mila persone, ed estratti dallo show a Mannheim in Germania, il 21 giugno 1986, ormai agli sgoccioli della loro carriera concertistica. Altri tre CD, per un totale di oltre tre ore, contengono interviste radiofoniche per BBC e Capital Radio realizzate tra il 1976 e il 1992, con una prevalenza degli anni ’80, l’ultima intervista dei quattro assieme e una successiva alla morte di Freddie Mercury. L’edizione deluxe contiene anche un libretto con un testo dell’archivista della band Greg Brooks. Il produttore di BBC Radio 1 Bernie Andrews ricorda la prima volta in cui gli fecero ascoltare la musica del gruppo. “Sono grandi, ma mica posso trasmettere una band chiamata Queen”. E invece sì, poteva.

TRACKLIST

#1

#2
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.