«DISSOLVE - Bewider» la recensione di Rockol

Bewider - DISSOLVE - la recensione

Recensione del 20 ott 2016

La recensione

di Marco Jeannin

Trovo “Dissolve” un disco confortante; musica confortante. Il secondo EP firmato BeWider, al secolo Piernicola Di Muro, segue il primo, ottimo “A place to be”, uscito solamente l’anno scorso, vestendosi sia da sequel che da reboot. Sequel perché effettivamente riprende da dove il primo episodio si era interrotto, reboot perché porta quegli stessi contenuti ad un livello superiore. Di Muro è uno che con il cinema ha dimestichezza, in Italia e all’estero, e questa sua passione per il cinema riversata nel suo lavoro come compositore per colonne sonore si conferma in termini di cifra stilistica anche quando Piernicola veste i panni di BeWider. “Dissolve” è dunque un lavoro necessariamente cinematografico, sei pezzi in cui il sound electro si fonde con una scrittura oserei dire classica, creando una buona dinamica: tolta l’opening “Shaping lights”, pezzo che possiamo tranquillamente catalogare sotto la voce singoli, da “Horizon” a “Evolve” (il disco scorre in una quarantina di minuti) la sensazione è che per questo nuovo capitolo BeWider abbia deciso di lasciar scorrere il suono nella maniera più fluida possibile, per quanto sempre estremamente controllata. Ed è questa la vera forza del disco, unire gli spunti melodici, la scrittura e le idee, ad un lavoro sul suono curato nel minimo dettaglio; diciamo che, se a un sacco di band e artisti andrebbe fatto seguire un corso di riparazione in produzione, Di Muro questo corso potrebbe tranquillamente tenerlo. Tutto questo si traduce in un disco solido, affascinante, atmosferico, impreziosito dalla partecipazione di Francesca Amati e di Antonio Vitale aka Jester at Works (di cui ho scritto poco tempo fa, diventandone immediatamente un grande fan).

“Dissolve” è un disco confortante perché fatto seriamente come si deve. Perché suona alla grande, perché elettronica, ambient, kraut e wave convivono in un habitat dove chi ascolta viene chiamato a dare qualcosa in più, quel tocco di immaginazione che ci fa amare la musica ancora di più. E anche il cinema, ma questo è un altro discorso.

TRACKLIST

01. Shaping Lights (04:45)
02. Horizon (07:56)
03. Beneath the Sky (05:19)
04. Woods (09:24)
05. Dust Orbs (05:07)
06. Evolve (06:54)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.