«SUPERGRASS - Supergrass» la recensione di Rockol

Supergrass - SUPERGRASS - la recensione

Recensione del 08 ott 1999

La recensione

Sarebbe bello parlare di questo gruppo senza servirsi del trito termine “brit-pop”. Peccato non si possa fare, dal momento che, proprio mentre il genere esala gli ultimi rantoli, giunge questo disco che ne è probabilmente la migliore, tardiva definizione. Il gruppo guidato da Gaz Coombes è cresciuto in una “Oasis” illuminata da un “Blur” di sole, ed ha fatto suo un approccio alla musica che sembra proprio quello del tardo beat anni ’60. Dovendo andare a pescare un paragone in tale periodo, “Supergrass” suscita il ricordo di “Between the buttons”, dei Rolling Stones (1967). Un disco secondo la critica malriuscito, ma nonostante ciò, non del tutto dimenticato. Un lp dal sapore acido, con ampie zone d’ombra che più che mostrare la farfalla la fanno intravedere nel bozzolo in cui si dibatte. Allo stesso modo, nei componenti della band londinese, nati una decina d’anni dopo quel disco e quel periodo (ma la voce e la bocca di Coombes sono così Jaggeriane che il sospetto dell’ennesima paternità sfuggita a Mick è più che legittimo), pare di intuire una sorta di dubbio angoscioso tra due strade più vicine di quanto si pensi. Da un lato, il pop più spensierato (“Pumping on your stereo” è il naturale proseguimento di “Alright”, del 1995); dall’altro, sofferte angosce in stile acustico-psichedelico (“Shotover hill” e “Edn” sono a loro volta la discendenza della inquietante “Time”). “What went wrong with your head”, sembra chiedersi ogni tanto il giovane Gaz; a volte le sue due personalità lottano avvinghiate, producendo canzoni come “Moving” - titolo abbastanza eloquente sul senso di irrequietezza che caratterizza tutto il disco. Che comunque, anche se lontano dal capolavoro (ma chi chiedeva un capolavoro ai Supergrass, del resto?), ha un pregio inestimabile: lascia qualcosa dentro a chi lo ascolta. La farfalla potrebbe nascere: dopotutto, come cantavano i Rolling Stones solo un anno dopo il disco di cui sopra, “I’m Jumping Jack Flash, it’s a Gaz, Gaz, Gaz”...

Tracklist:

Moving
Your love
What went wrong (in your head)
Beautiful people
Shotover Hill
Edn
Mary
Jesus came from outta space
Pumping on your stereo
Born again
Faraway
Mama & papa
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.