«SMOKE + MIRRORS - Imagine Dragons» la recensione di Rockol

Imagine Dragons - SMOKE + MIRRORS - la recensione

Recensione del 16 feb 2015 a cura di Andrea Valentini

La recensione

Qualcuno forse penserà che recensire un album sia una questione facile e anche un po’ arrogante: uno si mette su un piedistallo e spara tre giudizi argomentandoli come meglio può – e fine della fiera. Ok, non è che non funzioni mai così, però nel momento in cui si decide consapevolmente di abbracciare un approccio professionale, la situazione si complica. Perché il gusto personale non è mai l’unico faro che può guidare il recensore. E questo disco ne è un esempio fulgido.
Siamo, infatti, davanti a un prodotto assemblato con cura e scrupolo, un’uscita ideata per non sbagliare mira e centrare il bersaglio – vendite e classifica – senza possibilità di errore o quasi. “Smoke + mirrors” è, in fondo, una sapiente ricetta che propone un piatto in stile Coldplay (con tanto di inni da concerto da cantare tutti sotto al palco), con un retrogusto deciso di Maroon 5, un aroma inconfondibile di Mumford & Sons, una spruzzata di indie/alt e una spolverata di EDM. Morale? È un disco che difficilmente non piacerà al grande pubblico e non collezionerà buoni risultati di vendite/classifica.
Ma, da qui a dire che si tratta di un album che segnerà in qualche modo il rock degli anni Duemilaedieci c’è una certa differenza – ammesso che ormai ci siano ancora album in grado di segnare qualcosa, in ambito rock e derivati.



Con “Smoke + mirrors” gli Imagine Dragons dimostrano di essere degli ottimi professionisti, che conoscono il proprio mestiere a menadito e sanno assemblare un team di lavoro in grado di valorizzare al massimo il risultato. E su questo non ci piove, nessuno è autorizzato a metterlo in dubbio. Per cui: ben fatto, obiettivo centrato, congratulazioni. Sicuramente li sentiremo tanto, trasmessi da radio e webradio, utilizzati magari in qualche spot e infilati nelle playlist più svariate, forti di un rock poppeggiante nazionalpopolare di fattura precisa e manualistica. Peraltro il loro è un successo ancora più speciale, se si considera che ormai si contano sulla punta delle dita band e artisti di ispirazione rock (o pseudo-rock) che ancora conquistano tali masse di fan.

Eppure fa molto pensare il fatto che, al netto delle considerazioni tecniche e di mercato, l’unica cosa che resta davvero in mente degli Imagine Dragons è l’immagine bizzarra, intrigante e distonica di un gruppo che rifiuta gli stereotipi del rock e trae molta della propria linfa da un personaggio peculiare come Dan Reynolds, che è mormone e non è certo un uomo senza problemi. Anzi, è un uomo che ha saputo trasformare i sui "Demons" in canzoni in cui riconoscersi, cantare e così via.
Insomma, è molto probabile che fra qualche anno ci ricorderemo più di lui, che non delle professionalissime e arrangiatissime canzoni rock-pop degli Imagine Dragons. Non è necessariamente un male, ma...
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.