«VIVAVOCE - Francesco De Gregori» la recensione di Rockol

Francesco De Gregori - VIVAVOCE - la recensione

Recensione del 14 nov 2014 a cura di Mattia Marzi

La recensione

Le canzoni vivono di vita propria: nascono dalle mani dell'autore e crescono, si sviluppano e germogliano a contatto con il pubblico. Le canzoni sono del pubblico, sono di chi le ascolta e di chi è in grado di determinarne il successo o l'insuccesso, l'immortalità o la mortalità. Francesco De Gregori è uno di quegli autori che di canzoni, al pubblico, ne ha regalate tante, sparse su un totale di ventuno album da studio. Da "Signora aquilone" (una delle sei canzoni firmate da De Gregori e contenute all'interno dell'album "Theorius Campus", che è il primo album inciso dal cantautore, seppur in collaborazione con Antonello Venditti) a "Guarda che non sono io", passando per "Alice", "Rimmel", "Generale", "Viva l'Italia", "La leva calcistica della classe '68" e "La donna cannone". Canzoni che, negli anni, il cantautore ha proposto più volte dal vivo, che tutt'oggi fanno parte delle scalette dei suoi concerti e che possono essere definite a tutti gli effetti dei grandi classici della musica italiana: canzoni che si sono evolute, talvolta per esigenze artistiche, altre volte seguendo le mode musicali.

Definire "Vivavoce" una raccolta di successi sarebbe riduttivo, e sarebbe altrettanto riduttivo definire il nuovo progetto discografico di Francesco De Gregori come un disco di rivisitazioni di brani tratti dal suo repertorio. Perché questo album non è né l'una né l'altra cosa: non è una raccolta di successi perché non contiene solo successi; se vogliamo dirla tutta, non contiene nemmeno tutti i successi del Principe: non c'è "Rimmel", ad esempio, e non ci sono neanche "Bufalo Bill", "Bambini venite parvulos" o "L'agnello di Dio", solo per citarne alcuni; non è un disco di rivisitazioni perché le sue lavorazioni - o meglio, una buona parte delle sue lavorazioni - non hanno visto De Gregori impegnato a riarrangiare le sue canzoni a partire da zero, ma lo hanno visto semplicemente reincidere ventotto brani del suo repertorio con arrangiamenti che, nella maggior parte dei casi, il pubblico dei suoi concerti conosceva già. Incidendo queste rivisitazioni, De Gregori non ha voluto togliere nulla alle "versioni originali", non ha voluto rinnegare il suo passato, ma solamente testimoniare come questi brani si siano evoluti, aggiornati e sviluppati, negli anni, sotto le sue stesse mani e sotto quelle dei musicisti che lo hanno accompagnato nelle sue avventure dal vivo. In questo senso, "Vivavoce" si presenta come una sorta di regalo che il cantautore ha voluto fare non solo a sé stesso, ma anche al suo pubblico (che in tutti questi anni è stato testimone diretto del continuo lavoro di rimaneggiamento di queste canzoni e che ora ha l'opportunità di poterle finalmente ascoltare su disco anche nelle rispettive "versioni alternative" - se così vogliamo chiamarle), un'istantanea che ritrae De Gregori in questo preciso momento della sua carriera e che lo ritrae come un cantautore con ancora tanta voglia di divertirsi e di sperimentare e con ancora tante cose da dire.





"Vivavoce" è un racconto che si estende nell'arco di ben trentacinque anni, ma che non segue un percorso cronologico e lineare: accanto a brani come "Niente da capire", "Generale" e "Caterina" troviamo infatti canzoni piuttosto recenti quali, ad esempio, "Finestre rotte" (originariamente contenuta all'interno dell'album "Per brevità chiamato artista", del 2008), "Gambadilegno a Parigi" e "Vai in Africa, Celestino!" (entrambe contenute, nelle loro versioni originali, all'interno dell'album "Pezzi", consegnato al mercato nel 2005). All'interno del disco, un doppio (come dicevamo poco sopra), sono contenuti un totale di ventotto brani, tutti riarrangiati: in alcuni casi, i nuovi arrangiamenti differiscono da quelli delle versioni originali in modo radicale; in altri casi, invece, questi differiscono in modo parziale e mitigato. Un arrangiamento del tutto alieno, tanto per cominciare, è quello del duetto con Luciano Ligabue sulle note di "Alice": De Gregori ha deciso di incidere la canzone, per questo progetto, in 3/8 piuttosto che nei 4/4 della versione originale ed il cambio di ritmo, da binario a ternario, pare aver alleggerito il brano, fino a renderlo (quasi) un valzer delicato e pieno di grazia, con le due voci che non si incontrano mai (se non per pochissimi secondi, alla fine del brano) e che dialogano rispettando ciascuna i propri spazi. Alieno è pure il riarrangiamento de "La donna cannone", qui presente in una versione orchestrale magniloquente e raffinata, curata dal Maestro Nicola Piovani. Il classico dei classici del repertorio di Francesco De Gregori, vale a dire "Generale", si trasforma poi da una "canzone sulla guerra" ad una "canzone di pace" ("Ho cercato di renderla più domestica", ha spiegato De Gregori presentando il progetto), con il celebre riff che viene sottinteso e nascosto.
In generale, dall'ascolto dei ventotto riarrangiamenti contenuti all'interno di "Vivavoce" emerge un'orientamento per la musica rock e folk contemporanea, con grande centralità data alle chitarre e a strumenti quali il mandolino, il violino (suonato dalla brava Elena Cirillo, al fianco di De Gregori ormai da svariati anni) e la fisarmonica: improntati su queste sonorità sono, ad esempio, i nuovi arrangiamenti di canzoni quali "Niente da capire" (la cui versione originale è contenuta all'interno dell'album "Francesco De Gregori", del 1974), "Buonanotte Fiorellino" (da "Rimmel", del 1975), "Il bandito e il campione", "Viva l'Italia" e "La ragazza e la miniera" (arrangiata e realizzata, quest'ultima, dal Maestro Ambrogio Sparagna con l'Orchestra Popolare Italiana). Un posto di rilievo, all'interno del disco, è occupato anche da momenti più acustici, come nel caso de "La leva calcistica della classe '68" (che si apre con alcuni arpeggi di chitarra che sembrano ricordare la grande assente "Guarda che non sono io", uno degli ultimi gioielli firmati Francesco De Gregori - il brano è contenuto all'interno dell'ultimo album di inediti del cantautore, "Sulla strada", consegnato al mercato nel novembre del 2012), di "Battere e levare" (con la voce di De Gregori che è accompagnata solamente da una chitarra), e da altri più rock come nel caso de "Il panorama di Betlemme" (il cui arrangiamento vede protagonista assoluta la chitarra elettrica), "Il canto delle sirene" e "Per le strade di Roma". Ci sono poi alcune veloci incursioni nella musica jazz (è questo il caso di "Natale", con un'introduzione, suonata dal basso e dalla chitarra, che ricorda vagamente quella della cover di "My baby just care for me" di Nina Simone) e nella musica in voga negli anni '60 (il boogie di "Finestre rotte", con un arrangiamento che non differisce di molto rispetto a quello della versione originale, ma anche le sonorità sixties de "Il '56").
Per concludere, non mancano alcuni importanti omaggi che meritano di essere citati: anzitutto quello a Lucio Dalla, la cui "Com'è profondo il mare" viene evocata da De Gregori alla fine di "Santa Lucia" (l'omaggio a Dalla è uno dei momenti più emozionanti di questo "Vivavoce"); quello a Leonard Cohen, di cui Francesco De Gregori ha realizzato una cover del brano "The future"; infine quello a "Rainy day women #12 & 35" di Bob Dylan, il cui arrangiamento è stato prelevato dal cantautore romano e incollato sotto al testo di "Buonanotte Fiorellino", per un divertissement al quale è affidato il compito di chiudere - con un sorriso - l'ascolto dell'album.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.