«TH1RT3EN - Megadeth» la recensione di Rockol

Megadeth - TH1RT3EN - la recensione

Recensione del 07 nov 2011 a cura di Andrea Valentini

La recensione

Triscaidecafobia è un termine scientifico che indica la paura irrazionale del numero 13. Esatto: quando la superstizione diventa un po' troppo invasiva e condiziona le nostre vite, merita di essere battezzata con un nome che ricorda quelli delle patologie più astruse alla Dr. House. Ma a Dave Mustaine e ai suoi Megadeth sembra che tutta questa faccenda faccia il proverbiale baffo: tant'è che il numero in questione l'hanno scelto come titolo del loro (tredicesimo, ovviamente) album in studio. E dentro ci hanno messo 13 pezzi, per essere ancora più burloni.
"Th1rt3een", come promesso da Mustaine negli scorsi mesi, è decisamente più simile all'idea classica che si ha dei Megadeth come band e come concetto sonico. Thrash metal mai troppo veloce - spesso incline al mid tempo - contraddistinto da soluzioni tecniche cervellotiche, inusuali e a volte proprio sorprendenti. In tutto questo non mancano concessioni a una sensibilità più hard rock, che si palesa in giri e break melodici, di quelli che ti si stampano in testa a dispetto dell'inferno di riff dissonanti e delle parti così complicate da evaporare immediatamente.
Una cosa, invece, si può tranquillamente rimproverare a Mustaine; ma se vogliamo il problema deriva più dalle consuete necessità promozionali ante-uscita, che non da una mancanza vera e propria dell'album. Infatti il biondo chitarrista-cantante aveva più volte dichiarato in pompa magna che il nuovo lavoro sarebbe stato Megadeth al 100%, ma "diverso da ogni cosa che abbiamo mai fatto". L'esperienza ci insegna che, solitamente, queste affermazioni sono poco più che slogan da televendita... e infatti "Th1rt3en" non smentisce questa certezza guadagnata sul campo: si tratta di un disco molto Megadeth, ma non contiene nessuna innovazione speciale e inaspettata nel sound del gruppo. Anzi, se vogliamo è un sapiente collage del meglio (sia chiaro) di quanto il gruppo ha saputo fare in "Rust in peace", "Countdown to extinction", "Endgame" e "Risk": spacciare tutto ciò per un approccio fresco e inedito è una palese forzatura. E pensare che il materiale è senza dubbio buono, solido e a tratti esaltante... non c'era alcun bisogno di questa paccottiglia pubblicitaria.
Se vogliamo calarci totalmente nel culto dei Big Four del thrash metal, "Th1rt3en" è perfetto ed entra di diritto nella liturgia moderna: tra i quattro colossi che tutti conosciamo, quello guidato da Dave Mustaine è uno dei più fedeli alla propria storia gloriosa - tanto più in un momento come questo, che vede l'uscita dello spiazzante "Lulu" e trova gli Anthrax annaspanti, alla disperata ricerca di un sentiero che hanno (più o meno coscientemente) abbandonato da qualche lustro.
Se non siete superstiziosi e amate il thrash come solo i Megadeth lo sanno interpretare, non avrete difficoltà a calarvi nell'atmosfera tossica di questo album - che oggettivamente non farà la storia di un genere (visto che è già stata scritta quasi tre decenni orsono), ma lo perpetua e mantiene vivo in modo egregio.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.