«JUGGERNAUT OF JUSTICE - Anvil» la recensione di Rockol

Anvil - JUGGERNAUT OF JUSTICE - la recensione

Recensione del 16 mag 2011 a cura di Andrea Valentini

La recensione

A molti sarà capitato - crescendo - di trovarsi un conoscente che sembra avere fatto il proverbiale patto col diavolo stile Dorian Gray; una persona che, alla faccia del tempo che passa, resta sempre identica: non conosce rughe o adipe, stempiature o capelli grigi. E, solitamente, è un individuo un po' - mi si perdoni la sfumatura poco politically correct - tardo... eterno adolescente o quasi, senza pensieri, capace di progettualità primordiale o nulla, e spesso anche piagato da una sorta di arroganza aggressivo-passiva che lo porta a considerarsi perfetto così come è.
Ebbene, gli Anvil sono il corrispettivo di queste persone - senza l'elemento dell'arroganza (una band più umile di loro è difficile da scovare) - e da circa 35 anni martellano implacabili, uguali a se stessi, l'incudine del true metal. "Juggernaut of justice", quindi, nonostante sia il quattordicesimo album dei canadesi, suona esattamente come il secondo, o il terzo... quasi come se si trattasse di vecchi nastri tenuti nel cassetto per una trentina d'anni. Ogni riff è implacabilmente etichettabile come heavy metal anni Ottanta, con qualche spruzzatina di proto-thrash (non dimentichiamo che gli Anvil, coi loro primi due album, ispirarono i maestri del thrash metal a stelle e strisce) e di speed: insomma, esattamente quello che da sempre ci si aspetta vedendo un disco di Lips e compagni.
Vi starete ora chiedendo se vale la pena sborsare qualche decina di euro per accaparrarvi questi 12 brani. La risposta è che tutto dipende da quanto siete affezionati alle sonorità di tre decadi fa; se da metallari quarantenni o quasi gradireste una macchina del tempo per riassaporare quegli anni, "Juggernaut of justice" è da avere. Così come se, nonostante l'età più giovane, siete stati travolti dal revival dell'Eighties metal. Se, invece, amate l'evoluzione e le sorprese, qui avete ben poco di cui godere; premesse e promesse non sono mancate, visto che Lips, per un paio d'anni, è andato in giro dicendo di avere "inventato" un nuovo genere chiamato metal-jazz... ma all'atto pratico tutto si esaurisce nella presenza di un brano ("Swing thing") con guizzi vagamente jazzati, che ricorda più i King Crimson dopo tre giorni di Oktoberfest passati in compagnia dei Running Wild, che non un nuovo genere musicale.
Al netto di queste considerazioni, ciò che resta è un buon album in tipico stile Anvil, senza pretese e sanguigno - o, quantomeno, onesto. La buona produzione è un plus, anche se di sicuro non farà cambiare idea ai detrattori, ma neppure ai fanatici del gruppo. Ognuno, insomma, resterà sulle proprie posizioni, saldo, come del resto fanno gli Anvil stessi da sempre.
Divertente, ben realizzato e godibile. Ma non indispensabile. E, soprattutto, vien da pensare per quanto ancora Lips e i suoi due compari riusciranno a viaggiare sull'onda del bellissimo documentario che li ha rilanciati nel 2008 ("The story of Anvil")... prima o poi a spinta finirà e, con le premesse che conosciamo, ci sono tutti gli indizi per prevedere un plausibile ritorno all'anonimato del gruppo. Come si diceva una volta: "uomo avvisato, mezzo salvato".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.