«SHINE - Joni Mitchell» la recensione di Rockol

Joni Mitchell - SHINE - la recensione

Recensione del 02 ott 2007

La recensione

Come sta il pianeta? Come sta l’America? Malissimo, grazie. “Dimentichi di tutto, zombie con i cellulari blaterano nei centri commerciali”, “mentre i condor precipitano dai cieli indiani” e “le balene vengono a riva a morire nella sabbia” (“Bad dreams”). Mai dire mai, signora Mitchell: la stessa indignazione, lo stesso disgusto che l’avevano indotta a dire addio al music business ora la spingono clamorosamente sui suoi passi. Intanto sono passati nove anni dall’ultimo disco di inediti, “Taming the tiger”, cinque dal ponderoso e discusso “Travelogue” in cui la grande canadese imbalsamava in sontuose sonorità orchestrali il suo glorioso e antico repertorio. Un piccolo spicchio di quel bellissimo capitolo di canzone popolare americana viene recuperato anche qui, a dire il vero: ed è il suo hit assoluto, l’inno ecologista “Big yellow taxi” che infilato proprio in mezzo alla tracklist serve a dimostrare la coerenza di un percorso artistico e di un sistema di pensiero. Ma bisogna anche dire, purtroppo, che gli anni non passano invano, e che la freschezza naif della versione originale del 1970 (quella campionata con successo anni fa da Janet Jackson) non c’è più, alterata da sincopi e singulti che ne spezzano la linearità e ne intorbidano la melodia cristallina. Joni sembra non poter fare altrimenti: oggi che sfiora i 64 anni e ama dipingere quanto e più che suonare, porta sulle spalle un bagaglio artistico e psicologico complesso e anche ingombrante, figlio di tante sfide, intuizioni geniali e mosse spiazzanti del passato. Maledice la scelleratezza del genere umano, ma si commuove ancora alla vista dell’oceano (ricordate la leggendaria foto nell’interno dell’lp “For the roses”, lei nuda di spalle a contemplare le onde che si infrangono sulle rocce?), delle foche che si tuffano tra i flutti e degli orsi affamati che le rovistano nella spazzatura. Così, spiega, ha ripreso contatto con la musica componendo l’idilliaco ma blando affresco strumentale di “One week last summer”, schizzi e guizzi di sax e pianoforte che aprono il disco, e bisogna pazientare cinque minuti prima di poter ascoltare il ritorno della Voce, una voce ancora angelica e regale in barba alla cortina fumogena di mille sigarette.
Il pianoforte è l’attore principale, in questo disco, come lo era in parte in “Blue”: ma i paragoni con il 1971 finiscono più o meno lì, non illudetevi. “Hana” e “Night of the iguana” si riallacciano piuttosto alla complessità ritmica e alla sensibilità “etnica” di “The hissing of summer lawns” e dei dischi Geffen anni ’80, anche in certi suoni sintetici ormai passati di moda. Meglio allora i momenti più pacati, acustici e riflessivi, acquarelli musicali che la Mitchell graffia spesso con parole dure e amare, prendendosela con politici e religiosi, con i distruttori del nostro paradiso terrestre (“This place”: non è cambiato nulla, appunto, dai tempi di “Big yellow taxi”) e con chi nel traffico cittadino ti supera a destra e ti passa col rosso (“Shine”, la lunga e ipnotica title track: e sembra di riascoltare il cahier de doléance sull’orlo di una crisi di nervi di “Sex kills”), mentre la storia umana resta un “mistero a base di omicidi di massa” (“Strong and wrong”), e solo uno scudo di distaccato cinismo può farti sopravvivere in un’ epoca di “guerre sante/genocidio/suicidio/odio e crudeltà” (“If I had a heart”, una delle due composizioni destinate alla colonna sonora del balletto “The fiddle and the drum”, l’altro progetto musicale a cui la Mitchell si sta dedicando di questi tempi). Alla fine di un viaggio tanto aspro e doloroso, appena velato dalla compassata eleganza formale delle musiche, arrivano i versi celebri di “If” di Rudyard Kipling: così retorici e risaputi su altre bocche, in questo contesto suonano caldi e rinfrancanti, ben serviti da un contrappunto di chitarra acustica e pianoforte (lo suona Herbie Hancock, che in contemporanea pubblica un album di sue riletture mitchelliane). Un doveroso incitamento agli uomini di buona volontà, una pacca di incoraggiamento sulla spalla di chi ha ancora a cuore la bellezza del creato, un bagliore di luce alla fine del tunnel e di un disco labirintico come i canyon che Joni cantava ai tempi dei suoi meravigliosi anni verdi.



(Alfredo Marziano)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.