«TUBTHUMPER - Chumbawamba» la recensione di Rockol

Chumbawamba - TUBTHUMPER - la recensione

Recensione del 01 gen 1998

La recensione

"...I get knocked down/ but I get up again/ you're never going to keep me down..." Chi è che non la conosce? In questo momento "Tubthumping" impazza nelle classifiche di vendita inglesi, dove i Chumbawamba si divertono a prendere in giro i Prodigy, e gode di una discreta rotazione sulle nostre radio e sui canali che trasmettono video musicali. Merito di un ritornello esaltante, di un coro da stadio e di un pezzo che sembra quasi mettere d'accordo i Clash con i Bronsky Beat. "Combact gay-folk", viene voglia di ribattezzarlo, ma soltanto per rendere l'idea di quello che l'album mette in mostra dall'inizio alla fine: i Chumbawamba mescolano insieme pop, istanze gay (già espresse in uno dei loro più famosi singoli di qualche anno fa, "Homophobia"), melodie e coretti tipicamente Housemartins accanto a ritmiche jungle, techno o più specificamente rock. Ascoltate "Mary, Mary" per farvi da soli un'idea: partenza melodicamente e volutamente confusa, in una sorta di trance-rock violento, poi break strumentale, ritornello con coro di voci bianche e controritornello che sembra preso paro paro da un disco dei Nirvana. Tutto il disco si svolge con grande omogeneità, anche se il brano d'apertura, "Tubthumping", rimane comunque una spanna sopra il resto. un disco che ha il suo maggiore pregio nella capacità di saper spaziare all'interno di tutto il macrocosmo musicale inglese, seppure prendendosi i propri tempi e i propri spazi, senza voler essere alla moda a tutti i costi. Un disco leggero e fantasioso, l'album che forse mancava ancora per far raccogliere al gruppo quello che aveva seminato fino ad ora, in 15 anni di onorata carriera.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.