«ESCAPOLOGY - Robbie Williams» la recensione di Rockol

Robbie Williams - ESCAPOLOGY - la recensione

Recensione del 18 nov 2002

La recensione

Il nuovo biglietto da visita di Robbie Williams è ben riassunto da un singolo, “Feel”, di grande atmosfera. E in grado di mettere in luce, con un trascinante giro di pianoforte e un corposo sottofondo d’archi, il lato romantico di una delle stelle più seducenti e incontenibili dell’intero star-system. Che qui – peraltro – non tralascia nemmeno di mettere in evidenza le proprie (più che discrete) doti canore, e che sembra dire: aspettate di sentire il resto.
Di fatto, con l’album davanti e la cuffia sulle orecchie, la sensazione è che Williams sia ancora capace di divertirsi. Grazie alla musica, e grazie al mestiere che fa. È pur vero che poche settimane fa, tornato in Inghilterra dopo una permanenza in California durata mesi (alcuni dicevano: per non pagare troppe tasse all’esoso fisco britannico) l’ex Take That ha dichiarato in pubblico: “Mi sto cagando addosso. Sono fuori dal giro da troppo tempo e non so come andrà l’album”. Così a naso (anzi, a orecchio) l’impressione è che andrà bene. Questo affascinante guascone, a tratti irrispettoso, sempre irriverente, racconta di aver “cantato nudo” durante la maggior parte dei brani: la sensazione di vulnerabilità che ne deriva, ha spiegato, serve a dare il meglio di sé. Poi decide di aprire “Escapology” non con il singolo ma con una canzone-scherzetto: chitarre aggressive, voce distorta, accordi vagamente disturbanti, il ritornello ripete “I haven’t got a clue what to do with you, Jesus what am I gonna do with this crap?” che più o meno significa “Sono nella merda e non so cosa fare con te”. Un bell’esordio, che non piacerà agli amanti della tradizionale forma-canzone ma che a noi ha divertito moltissimo. Come divertente è l’attacco della terza traccia (“Feel” è la seconda) che si intitola “Something beautiful” e parte con un piano strimpellato che ricorda tanto il vecchio Robbie-style. Affascinante anche “Sexed up”, in cui il Nostro racconta di essersi stufato della sua ragazza e di volerla mollare, che parte come una ballad sussurata e che poi si apre (con voce e strumenti). L’idea di sé che dà Williams fin qui è quella di essere il simpatico stronzo che tutti conosciamo, e che piace tanto (pure troppo) alle donne: “Screw you”, “Fottiti”, canticchia sereno lui, e noi ragazze lo amiamo anche per questo. Anche “Love somebody” parte lenta e poi esplode, e qui il bel Robbie si svela un po’ più in profondità, confessando il suo sogno: quello di restare giovane per sempre e di trovare qualcuno da amare qui e ora. Pretesa assurda? Forse, ma la potenza musicale e vocale di Williams (specie nel ritornello) gli permette di dire (quasi) tutto quello che vuole: provate a (ri)ascoltare il punto in cui dice “I wanna love somebody right now” e il coretto immediatamente successivo, e poi veniteci a raccontare cosa ne pensate.
“Hello, did you miss me: I know I’m hard to resist” (“Ti sono mancato? So che resistermi è difficile”) esordisce senza preamboli l’ex Take That in “Handsome man”, con voce mooolto sexy, e rincara la dose aggiungendo: “It’s hard to be humble when you’re so fucking big” (“Difficile essere umili quando sei così fottutamente grande”), e a questo punto potete fare due cose: buttare il disco alle ortiche o scegliere di adorare Robbie, che in mezzo alla canzone puntualizza, scandendolo a mo’ di slogan, il concetto: “It’s not that complicated, I’m just young and over-rated”. “Non è poi così complicato, il fatto è che sono giovane è sopravvalutato”. Appunto.
Si torna alla calma (almeno apparente) in “Come undone”, che sembra una ballata ingenua ma in realtà dice cose terribili (tipo: “So fuck you all”, “Fottetevi tutti”), frase che sussurata acquista un’aria carina e dolce (della serie: farsi mandare a fare in culo così è quasi piacevole). Avanti tutta in “Me and my monkey”, funky beat+trombe, dedicata a un amico di Robbie che a quanto pare possiede una scimmia. La canzone dura sette minuti e il Nostro, specie all’inizio, più che cantare parla, ma riuscirà a non annoiarvi.
“Song 3” ha o non ha qualcosa a che vedere con “Song 2” dei Blur? Non riusciamo a deciderlo (e comunque non è un granché). Così come l’attacco uptempo di “Hot fudge” non basta a salvare tutta la canzone. E nemmeno “Cursed”, tutta chitarra elettrica, è un capolavoro. Per tornare ad alti livelli bisogna aspettare “Nan’s song”, in cui (forse) Robbie Williams diventa buono. Sarà vero? Comunque sia, canta frasi come “I miss your love, I miss your touch, but I’m feeling you everyday”. Un bel pezzo (e anche il primo scritto interamente da lui. Niente male). Sembra quasi che sia innamorato, ma probabilmente è un’illusione. Nessuna illusione, invece, sulla bontà dell’album: che resta un lavoro solido e ben costruito, una bella tappa della vita da star di Robbie. Ci si chiede cosa farà di qui in poi, considerato che il suo autore (Guy Chambers) ha dichiarato di non voler scrivere più canzoni per lui in futuro. Ma probabilmente è presto per preoccuparsene…


(Paola Maraone)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.