«20 - Africa Unite» la recensione di Rockol

Africa Unite - 20 - la recensione

Recensione del 01 lug 2001

La recensione

Doppia celebrazione per gli Africa Unite, che celebrano contemporaneamente il loro ventesimo compleanno e il ventennale della scomparsa di Bob Marley. Per uno strano caso del destino, quando nel 1981 il Re del Reggae moriva, la band di Bunna e Mada muoveva i suoi primi passi nell’allora scarna scena reggae italiana. E’ come se gli Africa Unite avessero raccolto dal grande Bob una specie di eredità artistica, un “passaggio di consegne”. E ora i rasta di Pinerolo rendono il giusto omaggio al Maestro rielaborando e interpretando magistralmente alcune delle sue canzoni. I brani sono eseguiti in ordine cronologico, dal primo singolo “Judge not” a “Redemption song”, con un’unica eccezione per “War” (del 1976) messa alla fine per una pura questione “estetica”, e coprono un periodo che va dal 1961 al 1980. Le cover mostrano un notevole lavoro di riarrangiamento e sono elaborate dalla band piemontese con classe e competenza, dal rocksteady di “Judge not” ad una addolcita “Concrete Jungle” che affianca chitarra acustica, archi e drum machine con un equilibrio perfetto. “Rebel music” e un’effettata “Crazy baldheads” sono più vicine al soul, mentre “Waiting in vain” mantiene una maggiore tendenza rootsy ed è qui resa con differenti sfumature melodiche. Stravolta “Is this love”, con un intro elettronica e parecchi effetti al suo interno, e più cadenzata “Ambush in the night”. Se “Bad card” è per metà semiacustica, “Redemption song” subisce il procedimento inverso e viene elettrificata in una versione poppeggiante. Il disco si conclude con un remix elettronico di “War”, abilmente rimaneggiata dalle macchine di Mada.
Personalmente non amo i tribute-album, ma questo “20”, oltre ad avere un senso che ne giustifica l’esistenza, mostra una rielaborazione intelligente del materiale selezionato e costituisce l’ennesimo esempio del valore di questa band, che ha aperto la strada al movimento reggae italiano e tuttora contribuisce in maniera determinante a tenerne alto il livello qualitativo. A ciò contribuiscono la presenza di Stena dei reggae National Tickets e del quintetto Archi Torti.

(Diego Ancordi)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.