«THIS IS WHEN I CAME IN - Bee Gees» la recensione di Rockol

Bee Gees - THIS IS WHEN I CAME IN - la recensione

Recensione del 28 mag 2001

La recensione

Ispirazione ritrovata per il trio d'oro, che con alterne vicende ha segnato la storia del pop. Le melodie alla McCartney e i coretti che un tempo fecero la fortuna dei Bee Gees qui hanno un ruolo di prima grandezza. Ascoltate per esempio la canzone che apre l'album (e che gli dà il titolo), con i fratelli Gibb stretti attorno a un microfono, vecchia maniera, a registrare live le loro armonie: andrebbe inserita di diritto all'interno della già ampia rosa di hits del gruppo. Il segreto di questo disco? L'umiltà (e l'onestà) di trarre spunto dal proprio passato per creare nuove composizioni, che fa del lavoro nel suo complesso una delle migliori intuizioni che la band abbia avuto nell'ultimo ventennio. Dimostrando, peraltro, di saper distribuire l'alzata d'ingegno lungo l'arco di tutto l'album; fatti salvi i soliti testi un po' ingenui ("You know I love you/I can't see the day for the night"), che peraltro sono quelli che funzionano di più, "This is where I came in" si rivela un disco equilibrato e gradevole. E i Bee Gees evitano il rischio (grosso) di apparire come l'ombra di quello che furono un tempo, facendo leva sulla loro provata esperienza da un lato, e sulla capacità di stare al passo con i colleghi più giovani dall'altro. Anche se non tutti i brani sono veri capolavori, alcuni valgono davvero l'ascolto: per esempio "Dejà vu", oppure la deliziosa "Technicolor dreams", divertissment che strizza l'occhio allo swing anni Cinquanta. Un appunto: l'attacco di "Sacred trust" ricorda pericolosamente "Last Christmas". Ma, si sa, nessuno è perfetto: e per fortuna.

(Paola Maraone)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.